Gian Maria Riminaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gian Maria Riminaldi, talvolta indicato come Giovanni Maria Riminaldi (in latino Ioannes Maria Riminaldus Ferrariensis) (Ferrara, 1434Ferrara, 1497), è stato un giurista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Spostatosi a Bologna, fu allievo di Alessandro Tartagni[1]. Nel 1473 divenne poi professore di diritto civile presso l'Università degli Studi di Ferrara;[2] fu inoltre ambasciatore per conto dei duchi di Ferrara.[3]

Tra i suoi scritti, che furono oggetto di numerose edizioni, vi fu De donationibus e numerosi Consilia; inoltre commentò il Digestum vetus e altre opere, tra cui la seconda parte del Codice e le Istituzioni.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giurista, civilista e canonista imolese (1424-1477).
  2. ^ Michele Pifferi, Lo Studio e la corte. L'attività dei lettori di diritto criminale a Ferrara durante la signoria estense, Cisui.unibo.it. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  3. ^ a b Gian Maria Riminaldi, Treccani.it. URL consultato il 1º febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76660591 · ISNI (EN0000 0000 6144 5063 · LCCN (ENn94085485 · GND (DE100391710 · BAV ADV11077970 · CERL cnp01239245 · WorldCat Identities (ENlccn-n94085485