Ghiacciaio del Trobio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ghiacciaio del Trobio
Ghiacciaio gleno.jpg
Il Ghiacciaio del Trobio in estate. Sullo sfondo il Monte Gleno, il Monte Trobio e il Monte Costone
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaBergamo Bergamo
CatenaAlpi Orobie
Coordinate46°03′36″N 9°57′36″E / 46.06°N 9.96°E46.06; 9.96Coordinate: 46°03′36″N 9°57′36″E / 46.06°N 9.96°E46.06; 9.96
TipoMontano
Vallevalle del Trobio (Val Seriana)
Corso d'acqua alimentatoTrobio-Serio-Adda
Altitudine2 760-2 650 m s.l.m.
Superficie0,1 km²
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Alpi
Ghiacciaio del Trobio
Dati SOIUSA
Grande parteAlpi Orientali
Grande settoreAlpi Sud-orientali
SezioneAlpi e Prealpi Bergamasche
SottosezioneAlpi Orobie
SupergruppoAlpi Orobie Orientali
GruppoGruppo di Coca
SottogruppoGruppo del Barbellino
CodiceII/C-29.I-A.2.a

Il ghiacciaio del Trobio (detto anche ghiacciaio del Gleno) è un ghiacciaio delle Alpi Orobie, uno dei pochi posti sul versante bergamasco della catena[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È formato da tre apparati glaciali, situati sotto la cresta che unisce il Pizzo dei Tre Confini (2828 m) al Gleno (2882 m) e alla Cima Trobio (2865 m). Il più imponente, il ghiacciaio Occidentale, si estende da circa 2750 metri di altezza a 2550 m, mentre un secondo (Vedretta Orientale) è posto tra i 2760 metri e i 2650 metri, un terzo apparato prende il nome di Trobio Centrale. Si trovano tutti nella omonima valle nel territorio di Valbondione.

La vedretta est e centrale sono classificate come glacionevato, cioè un ghiacciaio di piccole dimensioni che non presenta un moto verso valle dovuto al suo stesso peso, mentre la vedretta ovest è di tipo montano[1]. È uno dei ghiacciai posti alla più bassa altitudine (considerando la testa del ghiacciaio) grazie alle notevoli precipitazioni invernali della zona.

Un tempo, il ghiacciaio del Trobio era ben più imponente, tanto che le due lingue glaciali erano unite ed occupavano gran parte della Valle del Trobio, spingendosi fino ai 2370 metri di altitudine. Durante la piccola glaciazione del 1700 (periodo nel quale le temperature si abbassarono e si registrò un aumento delle lingue glaciali delle Alpi) probabilmente il ghiacciaio raggiunse la sua ampiezza massima dal Quaternario, mentre dal 1850 (fine dell'era glaciale) è in ritirata costante, con un aumento di velocità di fusione negli ultimi venti anni. Le varie fasi di ritirata del ghiacciaio sono ritratte in alcune fotografie esposte nel vicino Rifugio Curò: ad inizio Novecento, la vedretta del Trobio era ancora imponente e formata da un solo corpo glaciale.

Le acque di fusione dei due piccoli ghiacciai formano il torrente Trobio, che dopo pochi chilometri di percorso si getta nel Lago del Barbellino, determinandone il colore verdastro delle acque. Infatti il nome "trobio" deriva dall'aggettivo "torbido", caratteristica di cui gode la maggioranza dei torrenti generati dalla fusione dei ghiacciai. Il torrente è dunque un affluente del Serio, che nasce poco distante, nelle vicinanze del Monte Torena.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Smiraglia C. & Diolaiuti G. (a cura di), Il Nuovo Catasto dei Ghiacciai Italiani, Bergamo, Ev-K2-CNR, 2015.
  • Servizio Glaciologico Lombardo (a cura di), I ghiacciai della Lombardia. Evoluzione e attualità, Milano, Hoepli, 2012, ISBN 882035165X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia