Getbol, piane di marea coreane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Getbol, piane di marea coreane
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
고창갯벌.jpg
TipoNaturali
Criterio(x)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2021
Scheda UNESCO(EN) Getbol, Korean Tidal Flats
(FR) Getbol, étendues cotidales coréennes

Getbol, piane di marea coreane, è un sito patrimonio dell'umanità dell'UNESCO riconosciuto nel 2021[1]. Ubicato sulla costa sud-occidentale e meridionale della Corea del Sud, si affaccia sul Mar Giallo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il sito è costituito da quattro diverse zone: Getbol Boseong-Suncheon, Getbol Gochang, Getbol Seocheon e Getbol Shinan.[1] Le coste, costituite da cosiddetta piana di marea, presentano condizioni geologiche, oceanografiche e climatologiche che, nel tempo, hanno determinato grandi e complesse zone di sedimentazione costiera.[1]

La sedimentazione in questi ambienti è essenzialmente di due tipi fondamentali:

  • terrigena[2]: sviluppata a tutte le latitudini e controllata solo dai processi fisici in atto, dalla disponibilità di sedimento e da fattori geomorfologici;
  • carbonatica: sviluppata in climi caldi (tropico-equatoriali), sia aridi che umidi, e caratterizzata da un'elevata produttività in loco di materiale carbonatico di origine sia biotica[3] che abiotica.

I sistemi costieri presentano esempi di estuario, baie aperte, piccoli arcipelaghi e laghetti. Le zone presentano una eccezionale presenza di biodiversità con circa 2.150 specie di flora e fauna, e tra esse almeno 22 specie minacciate.[1] La fauna è costituita da invertebrati marini e da 118 specie di uccelli migratori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Getbol, Korean Tidal Flats, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 luglio 2021.
  2. ^ Si dicono terrigeni i sedimenti derivati dall'erosione di rocce e altri sedimenti a prevalente composizione silicatoca (di origine sedimentaria, ignea o metamorfica).
  3. ^ I carbonati di calcio sono soggetti a precipitazione in acque sovrassature in CaCO3. La precipitazione dei carbonati può essere determinata o favorita dall'attività di organismi viventi, e in tal caso si dice biotica, oppure essere indipendente dalla presenza di questi ultimi ed essere governata solo dalle leggi della termodinamica (temperatura e pressione), e in tal caso si definisce abiotica.