Siti dolmenici di Gochang, Hwasun e Ganghwa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Siti dolmenici di Gochang, Hwasun e Ganghwa
(EN) Gochang, Hwasun, and Ganghwa Dolmen Sites
Dolmen Ganghwa Island.JPG
TipoCulturali
Criterio(iii)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2000
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

I siti dolmenici di Gochang, Hwasun e Ganghwa (in coreano: 고창 / 화순 / 강화지석묘군 in hangŭl, 高敞 / 和順 / 江華支石墓群 in hanja) sono un raggruppamento di alcune centinaia di dolmen in pietra che venivano usati per scopi funerari o rituali durante il I millennio a.C. nella penisola coreana, durante la cultura megalitica. Nel 2000 i siti vennero inclusi nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. Si dice che la Corea contenga oltre il 40% di tutti i dolmen sparsi per il mondo, la maggior parte dei quali si trova proprio in questi 3 siti, all'interno dei confini della Corea del Sud.[1]

Queste enormi pietre segnano i luoghi in cui venivano sepolti i personaggi importanti, e infatti dalle tombe sottostanti sono stati recuperati manufatti in bronzo, ceramica e altri materiali. Inoltre questi dolmen costituiscono l'indizio più prezioso per quanto riguarda la cultura delle popolazioni che li ha eretti, oltre a darci informazioni sul modo in cui furono scolpiti.

Gli scavi archeologici in questi siti non iniziarono fino al 1965, dopo di che il governo coreano cercò di recuperare il tempo perduto iniziando un completo inventario dei dolmen e di ciò che essi contenevano

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Asia orientale i dolmen si dividono fondamentalmente in due tipi, quello settentrionale e quello meridionale. Il primo tipo è caratterizzato dall'avere quattro pietre posizionate in modo da costituire i muri di una specie di abitazione, sormontata da una quinta pietra. Il secondo tipo invece è caratterizzato dall'essere interrato nel suolo e dall'avere una lastra di copertura sopra le pietre verticali.

Il sito di Gochang[modifica | modifica wikitesto]

A Gochang si trovano i dolmen più grandi e vari fra quelli della Corea. Sono noti col nome di "dolmen Jungnim-ri" e si trovano concentrati nei pressi del villaggio di Maesan. Questi dolmen hanno un'orientazione da est a ovest e sono stati eretti ai piedi di una serie di basse colline, ad un'altezza che varia fra i 15 e i 50 metri. In media le lastre di copertura hanno una lunghezza compresa fra 1 e 5,8 metri, con un peso che varia fra 10 e 300 tonnellate. Qui sono stati inventariati 442 dolmen, probabilmente costruiti intorno al VII secolo a.C.

Il sito di Hwasun[modifica | modifica wikitesto]

I dolmen che si trovano a Hwasun sono stati eretti sul fianco di una collina e seguono il corso del fiume Jiseokgang. Qui si distinguono due gruppi diversi, i "dolmen Hyosan-ri" sono 158 e i "dolmen Dasin-ri" sono 129. Questi sono comunque meno ben conservati dei dolmen di Gochang, ma in compenso si è scoperta la cava da cui le pietre sono state estratte. Probabilmente vennero eretti fra il VI e il V secolo a.C.

Il sito di Ganghwa[modifica | modifica wikitesto]

Questi dolmen si trovano sull'isola di Ganghwa, sulle pendici di alcuni monti e quindi eretti più in alto degli altri dolmen coreani. Benché non sia stato provato, si pensa che questi dolmen (che appartengono ai gruppi "Bugun-ri" e "Cocheon-ri") siano precedenti rispetto a quelli di Gochang e di Hwasun. Sull'isola si trova il più grande dolmen della Corea del Sud, (2,6 per 7,1 per 5,5 metri), del tipo settentrionale, sul quale si crede venissero svolti riti ancestrali.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Gochang, Hwasun, and Ganghwa Dolmen, World Heritage Site. URL consultato il 9-1-2012 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]