Sistema di preservazione culturale in Corea del Sud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Danza femminile Ganggangsullae, designata come eredità culturale intangibile.

Il sistema di preservazione culturale della Corea del Sud è un programma attuato dall'Amministrazione per l'eredità culturale (abbreviato CHA) volto a preservare e mantenere l'eredità culturale coreana.

Il CHA ha diviso il patrimonio culturale in cinque categorie principali (patrimonio designato dallo Stato, patrimonio designato da città e province, materiale del patrimonio culturale , patrimonio culturale registrato e patrimonio culturale non registrato) divise a loro volta in sottocategorie. Oltre al patrimonio culturale materiale, la Corea del Sud preserva anche il suo patrimonio culturale cosiddetto "intangibile" o "immateriale", che include i costumi popolari, la musica, le danze e l'artigianato. Il programma prevede anche l'inserimento dei tesori nazionali viventi, cioè persone le quali detengono la conoscenza e le abilità per il passaggio del patrimonio culturale intangibile alle nuove generazioni. La Corea del Sud ha fondato numerosi centri educativi in tutta la nazione e ha costituito un'Università nazionale per il patrimonio culturale di Corea, dedicata alla preservazione del patrimonio culturale.

Alcune delle voci sotto tutela da parte della Corea del Sud sono anche iscritte alle varie liste dell'UNESCO. Al 2014, la nazione contava nove siti culturali e uno naturale nel patrimonio dell'umanità, con altri 15 aggiunti alla lista provvisoria; 17, invece, sono le voci registrate nella lista dei patrimoni immateriali.

Amministrazione per l'eredità culturale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Amministrazione per l'eredità culturale.

Il programma è gestito dall'Amministrazione per l'eredità culturale (in hangul: 대한민국 문화재청, in inglese: Cultural Heritage Administration)[1], nata da un organismo istituito nel 1945 dall'amministrazione militare americana in Corea. In un primo momento venne l'ufficio per la salvaguardia del patrimonio venne affidato al Ministero dell'Educazione, per poi passare al Ministero della Cultura. Tra il 1999 e 2004 venne elevata ad agenzia indipendente[2]. L'Amiinistrazione gestisce il museo del Palazzo nazionale di Corea così come altri siti di palazzi e santuari[3]. È anche responsabile del sito delle tombe reali della dinastia Joseon che sono inserite nella lista dei siti del Patrimonio Mondiale UNESCO[4].

Nel 2000, il CHA ha istituito l'Università nazionale per il Patrimonio Cultrale di Corea, la quale è specializzata nella formazione volta a preservare, appunto, il patrimonio culturale[5]. Dal 1999, il Governo coreano ha fondato 27 centri educativi per il mantenimento del patrimonio culturale immateriale[6].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Haenyo, donne in muta si immergono fino a 20 metri senza l'utilizzo di ossigeno presso l'isola Jeju.
Donne giocano a Nolttwigi durante un festival.

La struttura legale su cui il sistema di preservazione del patrimonio culturale si basa è riconducibile alla legge 961 del 1962 (문화재보호법 Munhwajae Bohobeop) la quale a sua volta si rifà ad una legge simile promulgata in Giappone nel 1950. La legge coreana, però, ha una portata più ampia, in quanto si estende anche al folklore. Venne successivamente modificata nel 1970 in modo da supportare anche finanziariamente le persone coinvolte[7].

Durante i primi anni del programma, proprio in seguito alla guerra di Corea, al CHA vennero assegnati pochi mezzi economici. Go Sangnyeol (고상렬), amministratore del CHA dal 1961 al 1968, iniziò la ricerca dei patrimoni culturali immateriali sulla base di una serie di articoli scritti da Yae Yonghae (예용해) per il quotidiano Hankook Ilbo, in quanto il giornalista trascorse molto tempo esplorando il Paese intervistando vecchi maestri artigiani. La prima voce ad essere inserita nella lista del patrimonio intangibile fu presa, appunto, da un articolo di Yae. Altre vennero aggiunte seguendo le opinioni dei ricercatori, includendo i vincitori delle gare annuali folkloristiche tradizionali e altre stando anche ai consigli dati dagli amministratori locali[8].

Negli anni '70, la Corea ha introdotto un sistema unico per preservare le tradizioni popolari (come l'artigianato, le arti, la musica e le danze popolari, il teatro e le tecniche di preparazione del cibo). Questo processo venne innescato da un movimento politico chiamato Saemaul Undong, Nuova Comunità, il cui scopo era modernizzare la Corea rurale. In un tentativo di liberarsi dalle vecchie superstizioni, il movimento sosteneva l'abbattimento dei vecchi alberi di Zelkova che si trovavano spesso all'entrata dei villaggi in quanto si credeva che potessero proteggere il villaggio stesso. Proprio in seguito a questo distaccamento dalla tradizione nacque il sentimento di proteggere il patrimonio intangibile[8]. A livello provinciale, nel 1971, il primo elemento che venne inserito nella lista dei patrimoni culturali immateriali fu la canzone Haenyeo, o "le donne del mare"[8].

Le principali parti interessate del patrimonio immateriale sono i "tesori nazionali viventi" o, come vengono chiamati ufficialmente, i "titolari" (보유자 boyuja), persone le quali possiedono conoscenze o abilità essenziali da essere preservate per la cultura coreana[8]. Alcuni di questi "titolari" hanno ottenuto visibilità nazionale o fama, come ad esempio Han Bongnyeo (한복려), titolare per la gastronomia della corte reale coreana, il quale ha supervisionato l'autenticità della presentazione di pietanze tipiche della dinastia Joseon in alcuni film storici e serie tv[9][10].

Al programma della convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale dell'UNESCO che si è svolta nel 2003, la Corea del Sud ha aderito l'anno successivo. Nel 2005 la Cina ha dichiarato 1200 beni come patrimonio culturale immateriale, di cui 16 appartenenti alla minoranza coreana del paese, compresa la tradizionale cerimonia di matrimonio, l'Arirang (una canzone popolare) e il neolttwigi (un gioco tradizionale). Il CHA ha deciso, quindi, che anche la Corea avrebbe allargato il proprio patrimonio culturale includendo quei beni immateriali che non hanno un "titolare" designato, come il kimchi, l'alfabeto hangul e il ginseng di Goryeo"[8].

Il CHA ha aperto un complesso per il Patrimonio Mondiale immateriale a Jeonju, il quale funge anche da centro nazionale[11]. Il complesso copre un'area di circa 60.000 m² e venne realizzato con 66 milioni di dollari[8].

Nel 2017, il CHA decise di ampliare ulteriormente gli standard di eleggibilità del proprio patrimonio, andando ad includere anche beni più recenti di 50 anni. Tra questi ci sono i pattini utilizzati da Kim Yuna durante le olimpiadi invernali del 2010 e il primo treno che operò nella metropolitana di Seul nel 1974[12].

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Nelle liste dei patrimoni culturali della Corea del Sud si contano 319 Tesori Nazionali, 1935 Tesori, 537 Siti Storici e 112 Siti Panoramici. Si possono contare anche 552 Monumenti Naturali, 131 Patrimoni Culturali Immateriali, 290 Patrimoni Culturali Popolari e 676 Patrimoni Culturali Registrati[13]. Al 2012, inoltre, si contavano 180 Tesori Nazionali Viventi attivi su 570 registrati[8].

Patrimonio designato dallo stato[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione Descrizione[14] Esempio Immagine
Tesoro Nazionale Patrimoni culturali materiali importanti, non solo per la Corea, ma per tutta l'umanità, quali: edifici storici, libri antichi e documenti, pitture, sculture, artigianato, reperti archeologici e armature. Namdaemun, 1° Tesoro Nazionale Sungnyemun restored.jpg
Tesoro Patrimoni culturali materiali importanti quali: edifici storici, libri antichi e documenti, pitture, sculture, artigianato, reperti archeologici e armature. Pietra del Buddha di Paju, 93° Tesoro 파주 용미리 마애이불입상 01.JPG
Siti Storici Siti di eccezionale valore storico o accademico, come: siti preistorici, fortezze, tombe, fornaci, dolmen e templi. fortezza di Hwaseong, 3° Sito Storico Bifyu 8.jpg
Sito Panoramico Sito panoramico naturale che ha un eccezionale valore storico, artistico o paesaggistico e ritenuto unico o raro proprio per la sua caratteristica formazione naturale Cascate di Jeongbang, sull'isola di Jeju, 43° Sito Panoramico Jeongbang Waterfall.jpg
Monumento Naturale Animali, piante, minerali, cave, formazioni geologiche e fenomeni naturali di eccezionale valore storico, culturale, accademico o estetico. Pinus bungeana presso il tempio Jogyesa di Seul, 9° Monumento Naturale Lacebark pine of Susong-dong.jpg
Patrimonio Culturale Immateriale Patrimonio culturale immateriale di eccezionale valore storico, accademico o artistico, come opere teatrali, musica, danza o artigianato. I "titolari" di questi patrimoni sono i Tesori Nazionali Viventi. Taepyeongmu, un tipo di danza di corte, 92° Patrimonio culturale immateriale Korean.dance-Taepyeongmu-01.jpg
Patrimonio Culturale Popolare Oggetti, abbigliamento ed edifici essenziali per la vita quotidiana, il commercio, i trasporti, l'intrattenimento e gli eventi pubblici, religiosi e altri festival, così che permettano la comprensione del cambio dello stile di vita durante i secoli. Pettorale del Principe Heungseon, 65° Patrimonio culturale popolare 흥선대원군기린흉배 02.jpg

Patrimonio designato da città o province[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione Descrizione[14] Esempio Immagine
Patrimonio Culturale Materiale Edifici, testimonianze classiche, libri, documenti, pitture, sculture, artigianato e reperti archeologici. Cattedrale anglicana di Seul, 35° Patrimonio materiale Seoul Anglican Cathedral-1.jpg
Patrimonio Culturale Immateriale Opere teatrali, musica, danze e artigianato. Somokjang (소목장), realizzazione di mobili in legno; designato come patrimonio da più città e province[15] Korean letter box, late Choson dynasty, wood, Honolulu Academy of Arts.JPG
Monumenti Sambaquì, antiche tombe, fortezze, siti di palazzi, siti di relitti, animali (inclusi i loro habitat e siti di riproduzione), piante (inclusi gli habitat), minerali e cave. Parco Nakseongdae di Seul Statue of Gang Gam-chan.jpg
Patrimonio Popolare Oggetti, abbigliamento ed edifici essenziali per la vita quotidiana, il commercio, i trasporti, l'intrattenimento e gli eventi pubblici, religiosi e altri festival. Casa dell'aristocratico Han Gyuseoul, nella città di Seul[16] Myungwon2.jpg

Altre classificazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio KEPCO di Seul, inserito nella lista del Patrimonio Culturale Registrato.

Materiale del patrimonio culturale[modifica | modifica wikitesto]

Patrimonio culturale reso importante dal punto di vista regionale, ma non classificato da città o province.

Patrimonio culturale registrato[modifica | modifica wikitesto]

Prime costruzioni moderne edificate tra la fine del XIX e gli anni '40 del XX secolo le quali necessitano di azioni di conservazione per via delle loro condizioni.

Patrimonio culturale non registrato[modifica | modifica wikitesto]

A sua volta diviso in due categorie:

  • Patrimonio Culturale Mobile, articolo 76, legge per la Protezione del Patrimonio Culturale: libri antichi, documenti, blocchi di legno, sculture, dipinti, artigianato e reperti archeologici i quali non sono stati classificati ne da parte dello stato ne dalle città o province, ma che necessitano di protezione per il loro valore storico o artistico e per i quali è proibita l'esportazione.
  • Patrimonio Culturale Sepolto, articolo 43, legge per la Protezione del Patrimonio Culturale: beni sepolti sotto terra o in mare.

Patrimonio UNESCO[modifica | modifica wikitesto]

Le relazioni con l'UNESCO sono coordinate attraverso la Commissione Nazionale della Corea del Sud per l'UNESCO dal 1654.

Patrimonio mondiale[modifica | modifica wikitesto]

La Corea del Sud ha aderito al programma Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO il 14 giugno del 1950[17]. AL 2013, nella Corea del Sud sono presenti nove patrimoni mondiali culturali e un patrimonio mondiale naturale, con 15 siti inseriti nella lista provvisoria[17]. Nella lista dei patrimoni mondiali sono inseriti il complesso del tempio di Bulguksa e il palazzo Changdeokgung, mentre nella lista provvisoria sono inseriti siti come le antiche fortezze di montagna della Corea centrale[17].

Patrimonio culturale immateriale[modifica | modifica wikitesto]

Al 2018 sono presenti 20 voci della Corea del Sud iscritte nella lista del patrimonio immateriale UNESCO[18]:

Anno Nome Note Immagine
2008 Il Rituale Ancestrale Reale nel santuario di Jongmyo e la sua musica Korean Royal Ancestral Ritual Music-Jongmyo Jeryeak-01.jpg
Pansori Opera popolare coreana Korea-Busan 3404-06 Pansori.JPG
Festival Danoje di Gangneung Festival religioso in cui si pregano gli dei della montagna per la protezione delle proprie case
2009 Yeongsanjae Rito buddhista
Namsadang Spettacolo maschile di danza, acrobazie e musica Korea-Namsadang nori-02.jpg
Jeju Chilmeoridang Yeongdeunggut Rituale delle isole Jeju in cui la popolazione locale prega per un mare calmo e pesca abbondante
Ganggangsullae Antica danza femminile dalla provincia di Jeolla Meridionale Korean.Dance-03.jpg
Cheoyongmu Danza mascherata Cheoyongmu-1.jpg
2010 Gagok Cicli di canti lirici accompagnati dall'orchestra
Daemokjang Stile architettonico tradizionele in legno Korea-Seoul-Namsangol-02.jpg
2011 Tessitura del Moshi (ramiè) nella regione di Hansan Boehmeria nivea Blanco2.385-cropped.jpg
Taekkyeon Arte marziale Taekkyeon-taekkyon-01.jpg
Jultagi Spettacolo di funambolismo Korea-Jeonju-Jultagi-02.jpg
2012 Falconeria (con altri paesi) Cernicalo comun.JPG
Arirang Canzone popolare
2013 Gimjang[19] Stagione della produzione del Kimchi Gimjang in Gaemi Village, 1 December 2012.jpg
2014 Pungmul (o Nongak) Danze e musiche tradizionali contadine Folk village - Korea.jpg
2015 Rituali e giochi di tiro alla fune (con altri paesi)[20] Korea-Hi Seoul Festival-2006-09.jpg
2016 Tradizione delle Haenyeo Immersione delle donne dell'isola di Jeju Haenyo 8101.jpg
2018 Lotta tradizionale coreana (con la Corea del Nord)[21] Korea-2008 Gyeongju Citizens' Athletics Festival-Ssireum-01.jpg

Memoria del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Al 2018, 16 sono le voci della Corea del Sud inserite nel registro della memoria del mondo dell'UNESCO[22]:

Anno Nome Note Immagine
1997 Annali della dinastia Joseon Annali dal 1413 al 1865
Hunmin jeongeum Manoscritto in cui si trova la base per il sistema di scrittura coreano Hunminjeongum.jpg
2001 Seungjeongwon ilgi I diari del segretariato reale
Jikji Secondo volume dell'antologia degli insegnamenti Zen dei patriarchi buddhisti del monaco Baegun Korean book-Jikji-Selected Teachings of Buddhist Sages and Seon Masters-1377.jpg
2007 Tripitaka Koreana Più di 81.000 matrici in legno per stampa su cui sono incisi testi buddhisti Korea-Haeinsa-Tripitaka Koreana-01.jpg
Uigwe Protocolli reali della dinastia Joseon Korea-Wonhaeng Eulmyo Jeongri Uigwe-Cheoyongmu.jpg
2009 Dongui Bogam Libro dedicato alla medicina tradizionale orientale Dongibogam.jpg
2011 Archivio del massacro di Gwangju avvenuto il 18 maggio 1980 Mangwol-dong-cemetery.JPG
Ilseongnok Raccolta di riflessioni giornaliere del Sovrano che coprono gli ultimi 150 anni della dinastia Joseon
2013 Nanjung Ilgi Diario di guerra dell'ammiragio Yi Sun-sin 이순신 난중일기 및 서간첩 임진장초.jpg
Archivio del Saemaul Undong (movimento Nuova Comunità) Scritti del movimento che si era prefissato come obiettivo la modernizzazione della comunità rurale coreana negli anni '70 del XX secolo
2015 Matrici di stampa su blocchi di legno[23] Più di 64.000 matrici di legno usate per stampare libri confuciani
Archivi del KBS "Finding Dispersed Families"[24] Registrazioni del Korean Broadcasting System riguardanti la riunione di famiglie divise dalla guerra
2017 Archivi del Movimento per il Rimborso del Debito Cronaca della campagna tra il 1907 e il 1910 per il risanamento del debito contratto con l'impero giapponese
Documenti delle ambasciate coreane in Giappone Resoconti delle 12 missioni diplomatiche coreane in Giappone tra il 1607 e il 1811 KoreanEmbassy1655KanoTounYasunobu.jpg
Sigilli reali e libri delle investiture[25] Raccolta dei sigilli reali e dei libri delle investiture della dinastia Joseon

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vision & Mission, su english.cha.go.kr.
  2. ^ History, su english.cha.go.kr.<
  3. ^ Organizational Chart, su english.cha.go.kr.
  4. ^ Royal Tombs of the Joseon Dynasty, su english.cha.go.kr.
  5. ^ NUCH vision, su nuch.ac.kr.
  6. ^ Korea, su accu.or.jp.
  7. ^ Roald Maliangkay, Reflections on South Korea's 1962 heritage scheme, su the Archival Platform, 13 ottobre 2009. URL consultato il 5 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2014).
  8. ^ a b c d e f g Choi Sung-ja, Fifty Years of Endeavors for Preservation and Transmission, su Koreana (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2014).
  9. ^ Hannah Watson, Special Interview - Han Bok-Ryeo, Master of Korean Royal Cuisine, su Hancinema, 7 dicembre 2009.
  10. ^ Lee Hyo-won, Vive La Korean Food! Hallyu Revitalizes Culinary Tradition, su the Korea Times, 20 marzo 2008.
  11. ^ Greeting, su nihc.go.kr.
  12. ^ Yun Suh-young, Kim Yu-na's skates to be designated cultural assets, su the Korea Times, 9 febbraio 2017.
  13. ^ Heritage Search, su english.cha.go.kr.
  14. ^ a b Heritage CLassification, su english.cha.go.kr.
  15. ^ About the Somokjang, su sd.go.kr.
  16. ^ Finding Our Traditional Housing..., su english.kookmin.ac.kr.
  17. ^ a b c whc.unesco.org, http://whc.unesco.org/en/statesparties/kr.
  18. ^ Republic of Korea, su ich.unesco.org.
  19. ^ Kimchi-Making Culture Joins UNESCO Intangible Heritage List, su the Chosun Ilbo, 6 dicembre 2013.
  20. ^ Tugging rituals and games, su UNESCO.
  21. ^ Traditional Korean wrestling (Ssirum/Ssireum), su UNESCO.
  22. ^ Republic of Korea, su UNESCO.
  23. ^ Confucian Printing Woodblocks, su UNESCO.
  24. ^ The Archives of the KBS Special Live Broadcast "Finding Dispersed Families", su unesco.org.
  25. ^ Royal Seal and Investiture Book Collection of the Joseon Dynasty, su unesco.org.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]