Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Geenna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La valle della Geenna oggi

La Geenna (o Gehenna o Gaénna) è una valletta scavata dal torrente Hinnom sul lato sud del monte Sion. Il nome deriva dall'ebraico gē-hinnom che significa, appunto, "valle dell'Hinnom".[1] Il Sion è il rilievo montuoso sul quale la città di Gerusalemme è stata fondata ad opera del popolo dei Gebusei. Il re Davide la conquistò e ne fece la sua capitale. Attualmente la valle è tutta edificata e contiene un quartiere di Gerusalemme tra i più poveri.

Nell'Antico Testamento[modifica | modifica wikitesto]

Nella valle dell'Hinnom i re di Giuda Acaz e Manasse avrebbero praticato il culto del dio Moloch, al quale, dopo essere stati sgozzati, venivano bruciati in olocausto i bambini[2] (2 Cronache 28,1-3; 33,1-6; Geremia 7,31-32; 32,35).

Per bocca del profeta Geremia Dio preannunciò che nella valle dell'Hinnom, dove venivano immolati e bruciati bambini, sarebbero, invece, stati bruciati in massa i cadaveri dei giudei sconfitti in guerra (Geremia 7,32-33; 19,2-11).

Il re Giosia volle allora sopprimere sul suo territorio ogni tipo di devozione non diretta a JHWH. Per impedire che in futuro si continuassero pratiche simili, fece profanare il luogo in cui si praticava il culto idolatrico (23,10) e ne fece più propriamente una discarica di immondizie, dove bruciava un fuoco continuo.

Quanto dichiara la Bibbia a proposito della Geenna concorda con l'idea tradizionale di fonte rabbinica e di altre fonti: la valle di Hinnom diventò il luogo adibito all'eliminazione dei rifiuti di Gerusalemme.

Nel Nuovo Testamento[modifica | modifica wikitesto]

Da qui, per similitudine, la Geenna è passata a rappresentare l'Inferno, un luogo di punizione, dove il fuoco brucia i peccatori.

Questo è propriamente il significato che viene attribuito a questa parola in tutto il Nuovo Testamento; a volte essa viene tradotta proprio come Inferno in alcune versioni della Bibbia o, più spesso, lasciata invariata.

V.T. ebraico V.T. greco N.T. greco latino italiano volte nel N.T.
Sheol[3] Ades Ades[4] infernus[5] inferi 10 volte
Gē Hinnom[6] Ennom[7] Geenna[8] infernus Geenna 12 volte

Questo nome ricorre 12 volte nel testo greco della Sacra Scrittura, in cui si utilizza in modo equivalente anche il termine greco "Ades":

Anche Gesù Cristo associò il fuoco con la Geenna (Matteo 5,22; 18,9; Marco 9,47-48), come fece anche il discepolo Giacomo (Giacomo 3,6), l'unico autore neotestamentario ad aver usato questo termine oltre a Matteo, Marco e Luca (i tre sinottici).

Alcuni esponenti all'interno delle classi degli scribi e dei farisei erano considerati iniqui nell'applicazione della Legge e perciò potenzialmente "soggetti alla Geenna", in accordo con l'uso rabbinico del termine. (Matteo 23,13-33)

Passi evangelici relativi[modifica | modifica wikitesto]

Negli scritti rabbinici[modifica | modifica wikitesto]

Nella Mishnà e il Talmud la valle sarà il luogo della distruzione dei malvagi nel giorno della risurrezione dei morti.

Nell'Islam[modifica | modifica wikitesto]

Anche nell'Islam si afferma che Allah condannerà i non credenti e i peccatori alle sofferenze della ge-hinnom dopo la morte e il giudizio Universale[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Ricciotti, Vita di Gesù Cristo, Milano, Mondadori,1997, 12ª ed., nota 1 p. 356.
  2. ^ voce Geénna del vocabolario Treccani
  3. ^ Sheol: Genesi 37,35, 42,38, 44,29, 44,31, ...
  4. ^ Hades: Matteo 11,23 16,18 Luca 10,15 Atti 2,27-31 1 Corinzi 15,55 Apocalisse 1,18 6,8 20,13-14
  5. ^ Lewis & Short Inferus
  6. ^ גֵיא בֶן־הִנֹּם Hinnom: Geremia 19,6 et c.
  7. ^ LXX πολυάνδριον υἱοῦ Εννομ
  8. ^ Gehenna: Matteo 5,22-30, 10,28, 18,9, 23,15-33. Marco 9,43-47 Luca 12,05, Giacomo 3,6.
  9. ^ Traduzione del Corano di A. Bausani, Edizioni Bur, 1988

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]