Gecarcinus quadratus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gecarcinus quadratus
Gecarcinus quadratus (Nosara).jpg
Gecarcinus quadratus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Sottoclasse Eumalacostraca
Superordine Eucarida
Ordine Decapoda
Sottordine Pleocyemata
Infraordine Brachyura
Superfamiglia Grapsoidea
Famiglia Gecarcinidae
Genere Gecarcinus
Specie G. quadratus
Nomenclatura binomiale
Gecarcinus quadratus
Saussure, 1853

Il granchio di Halloween (Gecarcinus quadratus, Saussure, 1853) è un granchio fantasma terricolo della famiglia delle Gecarcinidae. Specie dall'aspetto particolarmente colorato, localmente viene identificato con diversi nomi comuni in lingua inglese quali red land crab (granchio terrestre rosso)[1] whitespot crab,[1] halloween crab (granchio di halloween),[2] moon crab (granchio luna), halloween moon crab (granchio luna di halloween), mouthless crab (granchio senzabocca)[2] o harlequin land crab (granchio arlecchino terrestre)[2].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

G. quadratus è presente negli ambienti umidi costieri, a mangrovie, dune sabbiose e foreste pluviali lungo la costa americana bagnata dall'Oceano Pacifico, dal Messico meridionale a Panama.[3][4] Precedentemente era citata presente anche sulla costa nordoccidentale dell'America Meridionale,[3] tuttavia nel 2014 questa popolazione è stata riconosciuta come una specie separata, G. nobili.[4]

La tassonomia in relazione alla specie atlantica G. lateralis è contestata, con molti studiosi che considerano le specie G. quadratus e G. lateralis come conspecifiche.[4][5]

Descrizione e comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Gecarcinus quadratus a Panama.

Il carapace del G. quadratus può raggiungere una lunghezza di 5 cm. Ha una coppia di grosse chele di colore viola, con i rimanenti quattro paia di arti di colore rosso-arancio, e carapace quasi interamente nero con una coppia di macchie di colore giallo, arancione o rossastro dietro gli occhi, e una ulteriore coppia di macchie biancastre sulla parte centro ventrale del carapace.[2][4]

La specie ha abitudini notturne e tende a ripararsi in tane, che talvolta arrivano a misurare fino a 1,5 m[5] nelle foreste pluviali costiere dell'America Centrale, ed è comune lungo le coste di Costa Rica, Panama e Nicaragua. Il G. quadratus vive nella foresta almeno una parte della sua vita adulta, ma ha bisogno di tornare al mare per la riproduzione.[2] La specie, prevalentemente erbivora, si nutre di lettiera e plantule.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Donald B. Bright & Charles L. Hogue, A synopsis of burrowing land crabs of the World and list of their arthropod symbionts and burrow associates (PDF), in Contributions in Science, vol. 220, 1972. (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2010).
  2. ^ a b c d e T. Beth Kinsey, Halloween Crab, su The Firefly Forest. URL consultato il July 28, 2011.
  3. ^ a b Lawrence G. Abele, Michael H. Robinson & Barbara Robinson, Observations on sound productions by two species of crabs from Panama (Decapoda, Gecarcinidae and Pseudothelphusidae) (PDF), in Crustaceana, vol. 25, nº 2, 1973, pp. 147–152, DOI:10.1163/156854073X00795.
  4. ^ a b c d Robert Perger & Adam Wall, The description of a new species of the Neotropical land crab genus Gecarcinus Leach, 1814 (Crustacea, Decapoda, Brachyura, Gecarcinidae), in ZooKeys, vol. 435, 2014, pp. 93–109, DOI:10.3897/zookeys.435.7271.
  5. ^ a b c Peter M. Sherman, Influence of land crabs Gecarcinus quadratus (Gecarcinidae) on distributions of organic carbon and roots in a Costa Rican rain forest (PDF), in Revista de Biología Tropical, vol. 54, nº 1, 2006, pp. 149–161.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Carrol L. Henderson, Butterflies, Moths, and Other Invertebrates of Costa Rica: A Field Guide, Austin, TX, University of Texas Press, 2010, ISBN 0-292-77943-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi