Gaddi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Gaddi (disambigua).
Gaddi
Coa fam ITA gaddi2 khi.jpg
D'azzurro, alla croce trifogliata d'oro
Data di fondazioneXIII secolo
Targa che a Firenze ricorda l'ospitalità dei Gaddi al poeta inglese John Milton

I Gaddi furono un'importante famiglia italiana del Medioevo e dell'età moderna.

Si ritrovano presenti in varie città dell'Italia, come Firenze, Forlì, Roma. In queste città, ancora oggi esistono importanti palazzi fatti erigere da membri della famiglia Gaddi. Esponenti della famiglia si sono segnalati o perché dediti alle arti, o per aver raggiunto posizioni elevate in politica o in cariche ecclesiastiche.

Ramo fiorentino[modifica | modifica wikitesto]

Il primo palazzo Gaddi, a Firenze

I Gaddi fiorentini furono innanzitutto una famosa dinastia di pittori, attiva tra XIII e XV secolo[1]. Il primo fu Gaddo Gaddi, allievo di Cimabue, mentre suo figlio Taddeo fu il principale aiutante di Giotto, responsabile di alcune tra opere tra le più significative della scuola giottesca in Toscana. Anche suo figlio Agnolo Gaddi fu pittore, tra i dominatori del secondo Trecento fiorentino, così come suo fratello Giovanni. L'altro fratello Zanobi, col congiunto Alessandro, si diede invece con successo all'arte della mercatura, aprendo banchi commerciali a Venezia e Milano.

Con i proventi della lucrosa attività commerciale venne acquistato un palazzo in piazza Madonna degli Aldobrandini a Firenze, riconoscibile ancora oggi per gli sporti retti da mensole in pietra raccordate da archetti, di sapore medievale. I successivi esponenti della famiglia riuscirono a arricchirsi ulteriormente, ottenendo cariche politiche, tra cui quelle di priore e gonfaloniere, in tutto nove volte. Nella seconda metà del XVI secolo Sinibaldo fu un ricco committente e mecenate. Niccolò Gaddi fu cardinale amico di Clemente VII all'epoca del Sacco di Roma; cardinale fu anche Taddeo Gaddi.

Nel XVIII secolo la famiglia fece costruire un nuovo palazzo molto più grande e sontuoso nella vicina via del Giglio, dove era conservata anche una preziosa biblioteca, una quadreria, con opere di Sebastiano Ricci e altri, e saloni affrescati da Luca Giordano. Il palazzo confinava con un celebre giardino, chiamato il "Paradiso dei Gaddi"[2], cantato tra gli altri da John Milton.

Lo stemma familiare è una croce trilobata d'oro in campo azzurro.

Ramo forlivese[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Gaddi, a Forlì

Nel ramo forlivese si segnalano:

Ramo romano[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene si fossero rifugiati a Roma nel 1536, i Gaddi riguadagnarono il favore dei Medici negli anni Cinquanta del XVI secolo e, tra la sua discendenza, il cavaliere Niccolò[3] esercitò il ruolo di agente del granduca Francesco nell'acquistare bronzi, monete e dipinti[4].

Palazzi[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sulla pretesa di essere imparentati con la famiglia Alighieri, nel XVI secolo, v. Vossilla, Francesco. “Alcune Note Ed Una Proposta per Giovanni Bandini.” Mitteilungen Des Kunsthistorischen Institutes in Florenz, vol. 40, no. 3, 1996, pp. 375–383.
  2. ^ POPHAM, A. E. “On a Letter of Joris Hoefnagel.” Oud Holland, vol. 53, no. 4, 1936, p. 146.
  3. ^ Cristina Acidini Luchinat, Niccolò Gaddi collezionista e dilettante del Cinquecento, in: Paragone, XXXI, nn. 359-361, 1980, pp. 141-175.
  4. ^ Ruolo nel quale Gaddi spesso impiegò Giovanni Antonio Dosio come suo acquirente romano: v. Miller, Maureen C. “The Medici Renovation of the Florentine Arcivescovado.” I Tatti Studies in the Italian Renaissance, vol. 9, 2001, pp. 89–117.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Vannucci, Le grandi famiglie di Firenze, Newton Compton Editori, Roma 2006. ISBN 88-8289-531-9

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]