G6 (Unione Europea)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da G6 (politica))
I membri del G6.

Il G6 (Gruppo dei sei) dell'Unione europea è il gruppo informale formato dai ministri dell'interno dei sei maggiori stati membri dell'Unione europea (Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Spagna e Polonia), cioè con la popolazione più numerosa e quindi con la maggioranza dei voti nel Consiglio dell'Unione europea . Il G6 è stato fondato nel 2003 come G5 per trattare le tematiche legate a immigrazione, terrorismo e ordine pubblico; successivamente, nel 2006 la Polonia è entrata nel gruppo, ridenominato da allora G6.

Il G6 è formato da:

Stato Popolazione Voti nel Consiglio UE Note
Germania Germania 82.314.906 29 8,4%
Francia Francia 63.392.140 29 8,4%
Regno Unito Regno Unito 60.587.300 29 8,4%
Italia Italia 60.442.587 29 8,4%
Spagna Spagna 45.116.894 27 7,8%
Polonia Polonia 38.116.486 27 7,8% dal 2006
Totale 349.970.313 170 49,2%

Sotto il terzo pilastro dell'UE, relativo alla "Cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale", i poteri sono in gran parte intergovernativi; questa è un'area politica dell'UE in cui non vi è alcun monopolio della Commissione europea sul proporre le leggi. In altri settori, la Commissione può di solito creare un equilibrio tra gli stati, ma in questo caso il G6 ha una grande influenza sulla Commissione.

Nicolas Sarkozy ha chiesto al G6 di portare l'Unione a seguito della diluizione del motore franco-tedesco dopo l'allargamento del 2004 dell'Unione europea[frase incomprensibile]. La mancanza di trasparenza e la responsabilità del G6 sono state criticate da una serie di figure, in particolare da un rapporto della Camera dei Lord del Regno Unito.

Le riunioni si sono svolte a:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea