Media potenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Media potenza è un'espressione utilizzata nel campo delle relazioni internazionali per classificare e definire quegli Stati che, non essendo grandi potenze esercitano comunque una significativa e marcata influenza in seno alla comunità internazionale, oppure che, essendo grandi potenze, dispiegano, nelle sfere di influenza relative al proprio specifico continente, forme di potere politico, militare ed economico riconducibili anche al ruolo di una media potenza[1]. Essere un paese di media potenza significa poter contare su una capacità diplomatica e militare in grado di garantire vantaggi politici ed economici, ed eventualmente essere anche in grado di giocare un ruolo di mediatore nei conflitti tra grandi potenze[2].

Una media potenza è quindi un paese che si pone, come influenza politica a livello internazionale, tra una grande potenza ed una potenza regionale. Tra le medie potenze possono dunque annoverarsi gli Stati che si trovano ai primi posti sulla scena mondiale per spese militari, per potenza economica e per influenza culturale[3][4].

Medie potenze nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene non vi sia accordo unanime tra gli esperti di relazioni internazionali su quali Stati inserire o escludere da un ipotetico elenco delle medie potenze, è possibile comunque individuare alcuni criteri a tal fine: ammontare complessivo delle spese militari, prodotto interno lordo, numero di partecipazioni a missioni militari internazionali di pace o di guerra, ammontare del contributo del paese al bilancio dell'ONU, partecipazione a gruppi ristretti di nazioni (G7, etc.).

Seguendo i criteri sopra delineati, è possibile stilare un elenco di medie potenze presunte:

America settentrionale[modifica | modifica wikitesto]

America latina[modifica | modifica wikitesto]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Eurasia[modifica | modifica wikitesto]

Asia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Otte, M., A rising middle power? German foreign policy in transformation. 1989-1999, St. Martin's Press, New York 2000
  2. ^ Pratt., C., Middle Power Internationalism, McGill-Queen's University Press, Kingston 1990
  3. ^ Miller, J. E., La politica estera di una media potenza: il caso italiano, Lacaita, Manduria 1992
  4. ^ Santoro, C.M., La politica estera di una media potenza: l'Italia dall'Unità ad oggi, Il Mulino, Bologna 1991

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]