Fanteria per Gruppo Missili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fucilieri di Sicurezza)
"Fanteria per Gruppo Missili Sup/Sup"
Compagnie Fucilieri.JPG
Stemma (non omologato) della 2ª Compagnia "Fucilieri"
Descrizione generale
Attiva 18 febbraio 1962 - 1992
Nazione Italia
Servizio Esercito Italiano
Tipo Compagnia
Ruolo Fanteria
Guarnigione/QG caserma Luciano Capitò a Portogruaro; caserma "Chinotto" a Vicenza, caserma Giovanni Ruazzi a Elvas di Bressanone,caserma "Pietro Maset" Codognè, caserma "Francesco Zanusso" a Oderzo e caserma "Osoppo" a Udine
Patrono San Martino (11 novembre)
Parte di
Simboli
Simbolo Scudo sannitico rosso con un Gladio al centro circondato da una fronda d'alloro ed una di quercia

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Fanteria per Gruppo Missili Superficie/Superficie era una specialità d'Arma dell’Esercito Italiano, costituita da reparti di fucilieri, appositamente creata per la III Brigata missili "Aquileia". Fu istituita nel 1962 come XIII Battaglione Fanteria "Treviso" e dal 1965 consisteva in quattro compagnie autonome da combattimento. Rimase attiva fino al 1992.

Stanziata nella caserme "Luciano Capitò" di Portogruaro, "Giovanni Ruazzi" di Bressanone, "Antonio Chinotto" di Vicenza, "Francesco Zanusso" di Oderzo, "Pietro Maset" Codognè e "Osoppo" di Udine, queste compagnie erano reparti con il compito di proteggere i siti e le missioni di lancio dei missili in forza alla Brigata, il comando stesso e le autocolonne in trasferimento. Essendo assaltatori, i Fucilieri dell'"Aquileia" erano inoltre addestrati al controllo del campo di battaglia; particolarmente esperti nella controinterdizione, erano in grado di rispondere ad incursioni offensive poste in atto da altre unità d'élite (come incursori, paracadutisti, etc.) o di carattere terroristico. Il loro addestramento comprendeva anche attività con reparti della NATO.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Mostrine e fregio
Caserma "Ruazzi", 1980, Addestramento con MG 42/59

Per la difesa delle postazioni di tiro dei missili, fu istituito il 18 febbraio 1962 il XIII Battaglione Fanteria "Treviso", strutturato su 4 Compagnie Fucilieri di Supporto, con sede a Vicenza.

Sciolto il 9 dicembre 1965 restarono in vita, in maniera autonoma, le quattro Compagnie Fucilieri di sicurezza, assegnate ognuna ai rispettivi quattro gruppi al "3º Reggimento Artiglieria Pesante Missili" della III Brigata Missili, poi 3ª Brigata missili "Aquileia".

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

1ª Compagnia Fucilieri[modifica | modifica wikitesto]

La 1ª Compagnia Fucilieri fu creata il 9 dicembre 1965; stanziata a Codognè fu assegnata al I Gruppo del 3º Reggimento Artiglieria Missili. Nell'ottobre 1975 fu assegnata al 3º Gruppo Artiglieria Missili "Volturno". Fu sciolta nel 1992.

2ª Compagnia Fucilieri[modifica | modifica wikitesto]

La 2ª Compagnia Fucilieri, dopo lo scioglimento del XIII btg. f., fu assegnata al II Gruppo del 3º Reggimento Artiglieria Missili di stanza in Portogruaro (VE). Nel luglio del 1975, a seguito dello scioglimento del 3º rgt. msl., la Compagnia, divenuta autonoma, viene posta alle dirette dipendenze del Comando III Brigata Missili. Nel febbraio del 1976 viene trasferita nella sede di Vicenza alle dipendenze disciplinari ed amministrative del 21º Battaglione Genio Pionieri “Timavo”; continuerà a restare autonoma nell’impiego e direttamente dipendente dal Comando 3ª Brigata Missili che, nel frattempo, assumeva la denominazione di “Aquileia”. Con la costituzione del 92º Battaglione fanteria "Basilicata", unitamente alle altre Compagnie fucilieri, ne adottò le mostrine. A seguito della contrazione a compagnia del 21º Battaglione Genio Pionieri “Timavo”, la 2ª Compagnia Fucilieri tornò ad essere autonoma il 1º gennaio 1980, assumendo la denominazione di 2ª Compagnia Fucilieri “Aquileia”. Resterà nella Caserma "Antonio Chinotto" di Vicenza fino al 27 novembre 1983, data del trasferimento nella Caserma "Luciano Capitò" di Portogruaro. Venne soppressa il 31 dicembre 1990 a seguito dell'avvio dello scioglimento, della III Brigata Missili “Aquileia”.

3ª Compagnia Fucilieri[modifica | modifica wikitesto]

La 3ª Compagnia Fucilieri fu creata il 9 dicembre 1965; stanziata a Oderzo (TV), fu assegnata al III Gruppo del 3º Reggimento Artiglieria Missili. Nel 1975 fu assegnata al 3º Gruppo Missili "Volturno". Fu sciolta nel 1992.

4ª Compagnia Fucilieri di Sicurezza Aquileia 1980 della 3ª Brigata Missili "

4ª Compagnia Fucilieri[modifica | modifica wikitesto]

La 4ª Compagnia Fucilieri fu creata il 9 dicembre 1965; stanziata a Elvas (BZ) fu assegnata al IV Gruppo del 3º Reggimento Artiglieria Missili. Nel luglio 1973 fu assegnata al XIV Gruppo Artiglieria Pesante, denominato dal 1975 1º Gruppo Artiglieria Pesante "Adige". Nel luglio 1983 fu trasferita a Udine ed assegnata al 27º Gruppo artiglieria pesante semovente "Marche". Fu sciolta nel 1992.

I Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

13° Btg Fnt. "Treviso" (Vicenza):

  • 1962 - 65 ???

1ª Cp. Fuc. (Vicenza / Codognè):

  • 1962 - 65 ???
  • 1965 - 79 Cap. Gustavo Daniele
  • 1979 - 86 Cap. Sandro Andreini
  • 1987 - 88 Cap. Francesco Persano
  • 1988 - 92 Cap. Stefano Petrassi

2ª Cp. Fuc. (Vicenza / Portogruaro / Vicenza / Portogruaro)

  • 1962 - 65 ???
  • 1965 - 70 ???
  • 1970 - 72 Cap. Oronzo Ingrosso
  • 1972 - 74 Cap. Antonio Di Bello
  • 1974 - 76 Cap. Giovanni De Blasio
  • 1976 - 78 Cap. Vittorio Isoldi
  • 1979 - 81 Cap. Eugenio Boccuni
  • 1981 - 88 Cap. Antonio Cosentino
  • 1988 - 89 Cap. Adriano Siboni
  • 1989 - 90 Cap. Roberto Zanetti

3ª Cp. Fuc. (Vicenza / Oderzo):

  • 1962 - 68 ???
  • 1967 - 70 Cap. Nicola Cagnino
  • 1970 - 72 Cap. Luciano Lazzarin
  • 1972 - 75 Cap. Mauro Rapisarda
  • 1975 - 78 Ten. Giovanni Dorcich
  • 1978 - 79 Cap. Vittorio Isoldi
  • 1979 - 86 Cap. Francesco Persano
  • 1986 - 92 Cap. Guido Garezzo

4ª Cp. Fuc. (Vicenza / Elvas / Udine):

  • 1962 - 65 ???
  • 1965 - 71 ???
  • 1972 - 74 Cap. Giovanni Conti
  • 1974 - 76 Cap. Biagio Puliatti
  • 1977 - 78 Cap. Orazio Puleo
  • 1979 - 81 Cap. Mario D'Antino
  • 1982 - 92 Cap. Vincenzo Dami

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Dell'Uomo, Roberto Di Rosa e Amedeo Chiusano, L'Esercito italiano verso il 2000, Volume 2, Parte 1, 2002.
  • Scuole di Applicazione d’Arma – "L’Arma di Artiglieria – Cenni storici"Torino, 15 giugno 1965.
  • Stato Maggiore dell'Esercito - Ispettorato dell'Arma di Artiglieria - Ufficio Studi, Regolamenti e Scuole - Pubblicazione n° 6033 "Il Gruppo di Artiglieria Pesante Campale e Pesante a Traino Meccanico" (Circolare n° 5213 della Serie Dottrinale) - Roma, 31 ottobre 1972; con Allegati ed Appendice "Il Gruppo di Artiglieria Pesante da 203/25 a Traino Meccanico con Compiti Particolari".
  • Dipartimento Pace di Democrazia Proletaria - "Bella Italia armate sponde - Guida dettagliata della presenza militare in Italia" - Edizioni Irene - Roma, giugno 1989.
  • Dossier Jp4 Panorama Difesa - "Esercito, uomini, mezzi e programmi" - Roma, 1991.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]