Francesco Zizola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Zizola (Roma, 1962) è un fotografo italiano, vincitore del World Press Photo of the Year 1996[1].

Laureato in antropologia, dal 1986 le fotografie di Zizola sono apparse su riviste di tutto il mondo (The New York Times, Stern, Der Spiegel, El Mundo[2]) ed ha ricevuto un totale di sette riconoscimenti World Press Photo, compreso il World Press Photo of the Year per alcuni scatti che documentavano la tragedia delle vittime delle mine antiuomo in Angola.

Mostre fotografiche di Zizola sono state esibite in tutta Europa[1]. Sono stati inoltre pubblicati quattro suoi libri fotografici: Ruas, che ha vinto il MIFAV come miglior libro fotografico del 1994, Sei Storie di Bambini, Stati d'infanzia, Né Quelque Part/Born Somewhere, frutto di un reportage di dodici anni sulle condizioni dei bambini in tutto il mondo. Nel 2008 fonda con altri prestigiosi fotografi l'agenzia Noor.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Né Quelque Part/Born Somewhere (Delpire 2004)
  • Stati d'infanzia (Nathan, 1999).
  • Sei Storie di Bambini (Contrasto, 1997)
  • Ruas (Gruppo Abele edizioni, 1994)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61708071 · ISNI (EN0000 0000 7837 592X · SBN IT\ICCU\VEAV\033206 · LCCN (ENn95028418 · GND (DE123010098 · BNF (FRcb13536568h (data) · WorldCat Identities (ENn95-028418