Francesco Dal Co

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Dal Co (Ferrara, 29 dicembre 1945) è uno storico dell'architettura italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laurea in architettura, Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV, 1970. Cattedra di Storia dell'Architettura, IUAV, dal 1981[1]. Professor, History of Architecture, School of Architecture, Yale University (1982-1991). Professore, Storia dell'Architettura, Accademia di Architettura dell’Università della Svizzera Italiana (1996-2005). Direttore, Dipartimento di Storia dell'Architettura, IUAV (1995-2003). Direttore, Sezione Architettura, La Biennale di Venezia (1988-1991). Responsabile pubblicazioni di architettura della Casa Editrice Electa, dal 1978. Curatore, Sezione Architettura, La Biennale di Venezia (1998) Direttore della rivista “Casabella” dal 1996. Senior Fellow, Center for Advanced Studies, National Gallery of Art, Washington DC. Scholar, Getty Center, Santa Monica Ca.. Membro del comitato di direzione, Society of Architectural Historians USA. Dottore Honoris Causa in Ingegneria, Politecnico di Gand. Accademico di San Luca, Roma. Honorary Fellow Royal Institute of British Architects.

Selezione dei libri pubblicati in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Hannes Meyer. Architettura o rivoluzione, Marsilio, Padova 1969;
  • La città americana. Dalla Guerra Civile al New Deal (con altri), Laterza, Roma-Bari 1973;
  • Architettura contemporanea (con M. Tafuri), Electa, Milano 1976;
  • Abitare nel moderno, Laterza, Roma-Bari 1982;
  • Teorie del moderno, Laterza, Roma-Bari 1982;
  • Carlo Scarpa, 1906-1978 (con G. Mazzariol), Electa, Milano 1984;
  • Storia dell’Architettura Italiana. Il secondo Novecento (a cura di), Electa, Milano 1997;
  • Frank O. Gehry. Tutte le opere (con K. Foster), Electa, Milano 1998;
  • Il tempo e l’architetto. Frank Lloyd Wright e il Guggenheim Museum, Electa, Milano 2004;
  • Carlo Scarpa. La Fondazione Querini Stampalia a Venezia (con S. Polano), Electa Milano 2006;
  • Tadao Ando, 1995-2010, Electa, Milano 2010;
  • Renzo Piano, Electa, Milano 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore di Casabella Successore
Vittorio Gregotti dal 1996
Controllo di autorità VIAF: 96060356 · LCCN: n79021066 · BNF: cb11886056d (data)