Fra Felice da Palermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fra Felice da Palermo, al secolo Giovan Battista la Licata (Palermo, 1751Palermo, 1824), è stato un pittore, architetto, ingegnere e "cappuccino laico mendicante" italiano, attivo in Sicilia tra la fine del 1700 e l’inizio del 1800.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu allievo dell'architetto Giuseppe Venanzio Marvuglia.

La presenza del frate presso il Convento dei Cappuccini di Santa Lucia del Mela in età giovanile è documentata dal 1771 al 1774 ed è supportata dalla produzione di numerose opere che ornano le chiese del borgo medievale.

Per l'autore, la condizione di uomo consacrato a Dio, impediva di autografare le opere, sicché non c'era modo migliore per garantire l'attribuzione del proprio lavoro ritraendo uno dei personaggi con le proprie fattezze somatiche, nel dipinto dell'Assunzione custodita nella Basilica Concattedrale di Santa Maria Assunta l'autoritratto del frate cappuccino è identificabile nel personaggio del Principe dei Apostoli.

Dello stesso frate cappuccino si riconosce il tratto pittorico e conseguentemente gli autoritratti, in numerose opere sparse nelle chiese della cittadina, stessi soggetti e volti di personaggi sono ravvisabili in dipinti custoditi nella ripristinata Chiesa dei Cappuccini dove si può ammirare un'Assunzione con Santa Lucia, San Biagio, San Francesco d'Assisi e Santa Chiara, questi ultimi fondatori dell'Ordine Francescano. Le stesse fattezze di San Biagio, identiche a quelle dell'Apostolo Pietro, si riscontrano nel volto di uno dei Magi nell'Adorazione dei Magi adiacente, splendido esempio di rappresentazione di fastosi costumi del Medio Oriente. Stessa tecnica, uguale mano e fogge di barba comuni nella commovente Deposizione e nel quadro Maria Bambina e le Sacre Scritture" con Sant'Anna e San Gioacchino.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Contributo allo studio dell'architettura neoclassica palermitana : fra Felice da Palermo ingegnere-architetto. Vincenza Balistreri. 1979, Palermo, Eliotecnica Lodato.