Coordinate: 37°52′54.84″N 13°22′39.72″E

Real Casina di Caccia di Ficuzza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Real Casina di Caccia di Ficuzza
Palazzo reale della Ficuzza
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
RegioneSicilia
LocalitàCorleone
Coordinate37°52′54.84″N 13°22′39.72″E
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Stileneoclassicismo
Piani3
Realizzazione
CommittenteBorbone delle Due Sicilie

La Real Casina di Caccia di Ficuzza è un palazzo reale, sito nella frazione di Corleone, all'interno della Riserva naturale orientata Bosco della Ficuzza.[1]

La Real Casina di Caccia fu costruita nel bosco della Ficuzza, a partire dal 1799 per il re Ferdinando III di Sicilia, che la volle come tenuta estiva da adibire alla caccia. Si caratterizza per la sua facciata rettangolare e severa. Ferdinando di Borbone vi visse ininterrottamente dal 1810 al 1813[2][3].

Il progetto della palazzina venne redatto dall'architetto regio Carlo Chenchi, con modifiche apportate dall'architetto Giuseppe Venanzio Marvuglia, che seguì i lavori iniziati nel 1802 e terminati nel 1807.

Particolare della facciata

L'edificio ha pianta rettangolare con prospetto dalle linee neoclassiche dell'architettura siciliana, sovrastato dal gruppo scultoreo del dio Pan e della dea Diana con al centro lo stemma borbonico. Nelle rispettive estremità della facciata vi sono due grandi orologi murali. Assieme alla palazzina vennero costruiti i fabbricati minori e la piazza centrale. Attorno a quest'ultima si sviluppò nel corso del tempo il piccolo centro[4].

Nell'edificio si trovano camere, saloni di rappresentanza, cappella privata, cantina, oltre a stalle e magazzini “d'ordinanza”. Il mobilio originale fu distrutto durante i moti del 1820-21[5].

Nel 1871 il palazzo e il relativo bosco, venne affidato all'Amministrazione forestale del Regno d'Italia, che amministrerà il bosco, la palazzina, la borgata e gli abitanti. Oggi è gestita dal Corpo forestale della Regione siciliana.

Il Palazzo Reale di Ficuzza

Il palazzo è stato riaperto al pubblico nell'aprile 2009. Il 3 agosto 2013 la Regione Siciliana ha voluto utilizzare la struttura per istituire il "Museo multimediale del bosco di Ficuzza" dove viene messa in risalto l'enorme biodiversità del parco e la storia di Ferdinando III di Borbone durante la sua permanenza a Ficuzza.

  1. ^ Riserva Naturale Regionale Orientata Bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del Cappelliere e Gorgo del Drago - Sicilia
  2. ^ Palermo Turismo - Palazzo reale di Ficuzza, su provincia.palermo.it. URL consultato il 24 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2016).
  3. ^ Riapre la casina di caccia di Ficuzza Fu il rifugio del re Ferdinando IV Borbone | Palermo la Repubblica.it, su palermo.repubblica.it. URL consultato il 24 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2017).
  4. ^ Ricerca
  5. ^ Alto Belice Corleonese - Guida ai camuni - Turismo e ricettività, su altobelicecorleonese.com. URL consultato il 24 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2014).
  • Giovanni Fatta, La Casina Reale di Caccia a Ficuzza. La fabbrica, l’arte, le cacce del re, Edizioni Caracol, Palermo 2023 ISBN 978-88-32240-63-4

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]