Frédéric Martel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frédéric Martel

Frédéric Martel (Châteaurenard, 28 ottobre 1967) è un sociologo e storico francese. Il suo libro Mainstream è stato tradotto in numerose lingue.

Libri e tematiche[modifica | modifica wikitesto]

È noto per i suoi libri sui media e sulle tematiche LGBT, in particolar modo: Le Rose et le noir: les homosexuels en France depuis 1968 (Il rosa e il nero: gli omosessuali in Francia dal 1968), Edizioni Seuil, 1996; De la culture en Amérique (La cultura in America), Edizioni Gallimard, 2006 e Mainstream: Enquête sur la guerre globale de la culture et des médias, Edizioni Flammarion, 2010.

Attività giornalistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 è stato caporedattore della rivista del sindacato francese CFDT. Attualmente scrive per Magazine Littéraire, L'Express, Dissent, The Nation). È caporedattore della rivista culturale nonfiction.fr ed editorialista di Slate.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sul suo libro Il rosa e il nero si basa il film del 2002 di Yves Jeuland (Bleu, Blanc, Rose) trasmesso su France 3. Frédéric Martel ha anche co-diretto il documentario De la culture en Amérique nel 2008 con Frédéric Laffont, trasmesso su Arte (canale franco-tedesco), e Global Gay con Rémi Lainé (2014).

Radio[modifica | modifica wikitesto]

È ideatore e conduttore del programma radiofonico Soft power, settimanale sui media e internet in onda su France Culture.

Collaborazioni con istituti e università[modifica | modifica wikitesto]

Frédéric Martel ha ottenuto un dottorato in sociologia. Dopo essere stato project manager per l'ambasciata francese in Romania (1990-1992) e per il ministero della Cultura (1992), è stato consulente dell'ex premier Michel Rocard (1993-1994). Successivamente è stato consulente della ministra dell'Occupazione e della Solidarietà Martine Aubry (1997-2000). È stato ricercatore e consulente del presidente dell'EHESS, Jacques Revel (2000-2001). È stato delegato culturale dell'ambasciata francese negli Stati Uniti (2001-2005).

Ha tenuto conferenze nelle università americane più importanti (tra cui Harvard, Stanford, Yale, Princeton, Berkeley e il MIT), in molte università del Messico, dell'Argentina, del Brasile, di Hong Kong, della Cina, del Giappone, dell'India, dell'Egitto e una dozzina di altri paesi nel mondo.

Ha insegnato dal 2005 al 2014 all'Istituto di studi politici di Parigi (Sciences Po Paris) e all'Ecole des Hautes Etudes Commerciales de Paris (HEC Paris). Nel 2008-2010 è stato ricercatore per il Centro d'analisi, di previsione e di strategia del ministero degli Affari esteri francese. Ha fondato il sito web di ricerca dell'Institut National de l'Audiovisuel (INA), che si occupa di analizzare le industrie creative e dei media in tutto il mondo.

Dal 2012 è un ricercatore senior presso l'Institut de Relations Internationales & Stratégiques (IRIS). È stato professore invitato all'università di Harvard e all'Università di New York (2004-2006).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Philosophie du droit et philosophie politique d'Adolphe Thiers, LGDJ, 1995 (la sua tesi in diritto pubblico, pubblicata in libro presso le Edizioni LGDJ).
  • Le Rose et le noir: les homosexuels en France depuis 1968, Le Seuil, 1996.
  • La longue marche des gays, coll. «Découvertes Gallimard» (n° 417), Gallimard, 2002
  • Theater, Sur le déclin du théâtre en Amérique et comment il peut résister en France, La Découverte, 2006.
  • De la culture en Amérique, Gallimard, 2006 (ha vinto il premio Francia-America nel 2007).
  • Mainstream, Enquête sur la guerre globale de la culture et des médias, Flammarion, 2010 (tradotto in una dozzina di lingue tra le quali l'italiano: Mainstream, Come si costruisce un successo planetario e si vince la guerra mondiale dei media, Feltrinelli, 2011)
  • J'aime pas le sarkozysme culturel (Non mi piace il sarkozismo culturale), Flammarion, 2012.
  • Global Gay, Flammarion, 2012 (tradotto in italiano, adattato in documentario televisivo che ha vinto il premio dell'Organizzazione mondiale contro la tortura nel 2014, a Ginevra).
  • Smart: Enquête sur les internets, Stock, 2014 - diritti venduti in Brasile (Record), Cina (Beijing Yanziyue Culture & Art Studio), Corea (Geulhangari), Italia (Feltrinelli), Spagna (Taurus) eTaiwan (Planter Press).[1] Tradotto in italiano da Feltrinelli, Smart, Inchiesta sulle reti, 2015.[2]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale

Controllo di autorità VIAF: (EN27173684 · LCCN: (ENn96089546 · ISNI: (EN0000 0001 0882 0650 · GND: (DE128845198 · BNF: (FRcb12514551r (data)
  1. ^ (FR) Smart, in Stock, 10 luglio 2017. URL consultato l'11 luglio 2017.
  2. ^ Libro Smart di F. Martel | LaFeltrinelli. URL consultato l'11 luglio 2017.