Fossa delle Curili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mappa della fossa delle Curili.

La fossa delle Curili o fossa Curili - Kamčatka (in russo: Курило-Камчатский жёлоб?, Kurilo-Kamčatkij žëlob) è una fossa oceanica situata nell'oceano Pacifico settentrionale.

Si trova al largo della costa sud-orientale della Kamchatka e parallela all'arcipelago delle isole Curili e si incrocia con la Fossa del Giappone a est di Hokkaido.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si allunga con forma arcuata in direzione nordest-sudovest per circa 1.500 km, bordeggiando ad est l'arco insulare delle isole Curili, dalle quali prende il nome; la fossa del Giappone segna il suo limite meridionale, mentre quello settentrionale è marcato da una giunzione tripla con la faglia di Ulachan e la fossa delle Aleutine vicino alle Isole del Commodoro.

La fossa delle Curili è il risultato della subduzione della placca pacifica al di sotto della placca di Ochotsk, con conseguente intenso vulcanismo.

La fossa raggiunge una profondità massima di 10.500 metri, che ne fa una delle più profonde al mondo.[1]

Terremoti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi terremoti associati alla zona di subduzione: [2][3]

Data Località Magnitudine
3 febbraio 1923 Kamčatka, Russia
8.4
2 marzo 1933 Sanriku-oki, Giappone
8.6
4 novembre 1952 Kamčatka, Russia
9.0
6 novembre 1958 Isole Curili, Russia
8.4
13 ottobre 1963 Isole Curili, Russia
8.5
4 ottobre 1994 Isole Curili, Russia
8.3
25 settembre 2003 Isola di Hokkaidō, Giappone
8.3
15 novembre 2006 Isole Curili, Russia
8.3
24 maggio 2013 Mare di Ochotsk
8.3
18 luglio 2017 Kamčatka, Russia
7.8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Istituto Geografico De Agostini. Grande atlante geografico del mondo, edizione speciale per il Corriere della Sera. Milano, 1995.
  2. ^ Rhea, S., et al., 2010, Seismicity of the Earth 1900–2007, Kuril-Kamčatka arc and vicinity, U.S. Geological Survey Open-File Report 2010-1083-C, 1 map sheet, scale 1:5,000,000 http://pubs.usgs.gov/of/2010/1083/c/
  3. ^ M8.3 – Sea of Okhotsk, su earthquake.usgs.gov, USGS, 25 maggio 2013. URL consultato il 25 maggio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]