Foca (sommergibile 1937)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Foca
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo sommergibile posamine
Classe Foca
Proprietà Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
Cantiere Tosi, Taranto
Impostazione 15 gennaio 1936
Varo 27 giugno 1937
Entrata in servizio 6 novembre 1937
Destino finale scomparso nell’ottobre 1940
Caratteristiche generali
Dislocamento in immersione 1659,44 t
Dislocamento in emersione 1333,04 t t
Lunghezza 82,25 m
Larghezza 7,166 m
Pescaggio 5,93 m
Profondità operativa 100 (collaudo) m
Propulsione 2 motori diesel Tosi da 2900 HP + 2 motori elettrici Ansaldo da 1300 hp
1 batteria di accumulatori al piombo composta da 248 elementi.
Velocità in immersione  7,8 nodi
Velocità in emersione  15 nodi
Autonomia 9880 miglia a 8 nodi; 3560 miglia a 15 nodi;
7,8 miglia a 7,8 nodi, 84,5 miglia a 4 nodi in immersione
Equipaggio 7 ufficiali, 53 tra sottufficiali e marinai
Armamento
Armamento alla costruzione[1]:

dal 1941:

dati estratti da xmasgrupsom.com. URL consultato il 20-09-2010. e icsm.it. URL consultato il 20-09-2010.

voci di sommergibili presenti su Wikipedia

Il Foca è stato un sommergibile posamine della Regia Marina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'unità ebbe una breve vita operativa. Il 13 giugno 1940, mentre era intento a posare mine al largo di Alessandria, fu attaccato col cannone dai cacciatorpediniere Decoy e Voyager, dovendo immergersi; subì poi una caccia con bombe di profondità ma ne uscì indenne[2][3][4].

Poco tempo dopo svolse – per via degli ampi spazi ricavati per le mine – una missione di trasporto di rifornimenti da Taranto a Lero, tornando nel porto pugliese il 15 settembre 1940[5].

L'8 ottobre 1940 partì per la sua seconda missione: avrebbe dovuto posare mine nei pressi del porto di Haifa, base navale britannica in Palestina, ma non se ne seppe più nulla[5].

L'unica ipotesi plausibile è che sia saltato su una mina nei giorni compresi fra il 12 ed il 15 ottobre: non si può sapere se la mina appartenesse ad un campo minato difensivo inglese[5] o se si trattò dello scoppio accidentale di una delle mine che proprio il Foca stava posando[6][7].

Con il sommergibile scomparvero 69 uomini: il comandante (capitano di corvetta Mario Ciliberto), 7 ufficiali e 61 fra sottufficiali e marinai[8].

Il Foca aveva svolto tre sole missioni di guerra, percorrendo in tutto 2063 miglia in superficie e 293 in immersione[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da Navypedia.
  2. ^ (EN) naval-history.net. URL consultato il 20 settembre 2010.
  3. ^ (EN) naval-history.net. URL consultato il 20 settembre 2010.
  4. ^ (EN) navyhistory.org.au. URL consultato il 20 settembre 2010.
  5. ^ a b c xmasgrupsom.com. URL consultato il 20 settembre 2010.
  6. ^ Giorgio Giorgerini, Uomini sul fondo. Storia del sommergibilismo italiano dalle origini a oggi, p. 263
  7. ^ trentoincina.it. URL consultato il 20 settembre 2010.
  8. ^ Caduti
  9. ^ Attività Operativa
Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina