Film di mostri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
King Kong, una delle icone del cinema dei mostri, raffigurato in una locandina del primo film che lo vede comparire.

Il film di mostri (anche noto con il nome inglese monster movie[1]) è un genere cinematografico incentrato su personaggi immaginari genericamente mostruosi e di varia origine o provenienza.[2][3][4][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Un film di mostri tende più spesso a rientrare nel cinema fantascientifico o nell'horror fantascientifico, più che nel fantastico. La prima opera del genere è senza dubbio Il Golem (1915) di Paul Wegener: in questo caso il mostro è una gigantesca statua d'argilla che prende vita e semina distruzione, rientrando perfettamente nei criteri del genere. Seguendo le orme del cinema espressionista tedesco, spesso anche Nosferatu il vampiro di Friedrich Wilhelm Murnau è fatto rientrare tra i film di mostri, nonostante la trama e l'antagonista.

La trama, i personaggi e gli effetti speciali de Il mondo perduto (1925, regia di Harry Hoyt) sono stati la base e l'ispirazione per molti film di mostri prodotti nei decenni successivi. Un film molto voluto ma mai realizzato è Creation: se prodotto sarebbe stato il primo kolossal del genere.[6]

Pur non essendo sempre classificati come "film di mostri", Dracula (1931), Frankenstein (1931), La mummia (1932) e L'uomo invisibile (1933) sono comunemente identificati come i precursori del genere.

Il 1933 è l'anno di King Kong, destinato a diventare capostipite di una generazione cinematografica di minore fortuna, icona del cinema classico dei mostri e, con gli anni, anche un importante figura nella cultura di massa[7]. Il film è generalmente indicato come una pietra miliare della storia del cinema.

Negli anni successivi l'interesse per il genere è sempre più scemato, rimanendo abbastanza popolare solo in Giappone e paesi contigui accomunati dalla stessa tradizione culturale e folcloristica.[senza fonte]

In Giappone[modifica | modifica wikitesto]

Locandina giapponese di Il re dei mostri (1955)

Il genere è molto famoso in Giappone. Grazie a un forte folklore popolare riguardante creature mostruose di mare e terra, molti sceneggiatori sono riusciti a trarne storie lucrose per il cinema fantascientifico in madre patria.

Già dagli anni cinquanta, epoca d'oro del genere sia in Occidente che qui, il genere viene indicato come Kaiju eiga ("film di mostri giganti"). I film avevano come protagonisti i kaijū e i kayjin, ovvero "mostri umanoidi" e daikaiju, cioè "mostri giganti". Il capostipite dei kaiju è Gojira (Godzilla in Occidente), protagonista dell'omonimo film del 1954 della Toho Company Ltd.

XXI secolo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I 10 monster movie più belli, su panorama.it.
  2. ^ I 10 mostri giganti più importanti della storia del cinema, su Wired, 1º giugno 2019. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  3. ^ 10 film da vedere sui mostri, su TV Sorrisi e Canzoni, 11 febbraio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  4. ^ Mostri giganti! da King Kong a Godzilla, 10 creature che hanno invaso il grande schermo, su Movieplayer.it. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  5. ^ (IT) I mostri del cinema: da Godzilla a Matrix come sono cambiate le nostre paure, su rainews. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  6. ^ Stephen Jones, The Illustrated Dinosaur Movie Guide, Titan Books, 1995, p. 26.
  7. ^ Stephen Jones, The Illustrated Dinosaur Movie Guide, Titan Books, 1995, pp. 24-25.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2007008609