Ferenc Pinter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ferenc Pinter (Alassio, 19 ottobre 1931Milano, 28 febbraio 2008) è stato un illustratore e pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ferenc Pinter nacque ad Alassio, presso Savona, nel 1931. Suo padre, József Pintér, era un pittore ungherese mentre la madre, Anna Antonazzi, veniva da Firenze. Nel 1940, la famiglia Pinter si trasferì a Budapest per curare una malattia tubercolare di József, ma l'operazione chirurgica non ebbe buon esito e dopo pochi anni Ferenc rimase orfano di padre.

Non fu ammesso all'Accademia di Belle Arti di Budapest per aver dimostrato una libertà di pensiero non conforme al totalitarismo comunista di quegli anni. In seguito alla rivolta del 1956 e all'arrivo dei carri armati sovietici, riuscì a fuggire in Italia. Appena arrivato a Milano, ottenne come primo lavoro la realizzazione di un gigantesco murale (80 m²) per la Radio Marelli. Nei tre anni successivi, Pinter continuò a realizzare manifesti pubblicitari per importanti aziende italiane finché, nel 1960, avviò una collaborazione con Arnoldo Mondadori Editore che durò 32 anni.

Per la grande casa editrice milanese Pinter realizzava le copertine e le illustrazioni interne di libri. Iniziò con la collana Segretissimo, della quale dipinse le prime 14 copertine, ma è ricordato in particolare per il Commissario Maigret[1] e i gialli di Agatha Christie; tuttavia, le tavole migliori le dipinse per la collana Oscar Mondadori[2][3]. Il suo mezzo espressivo preferito era la tempera, che usava con straordinaria maestria dando vita a scene surreali, venate di una forte componente espressionista.

Pinter è considerato uno dei più importanti illustratori europei e non a caso il suo nome rientra nei cataloghi internazionali Graphis e Gebrauchsgraphik.

Nel 1989 Pinter dipinse i 22 Trionfi dei Tarocchi dell'Immaginario[4], pubblicati da Lo Scarabeo di Torino con la presentazione dello storico dell'arte Federico Zeri. Tra il 2000 e il 2002, Pinter lavorò ai 56 Arcani Minori, anche questi editi da Lo Scarabeo.

Sebbene colpito da una grave malattia, Pinter continuò a lavorare fino al 28 febbraio 2008, data della sua scomparsa. Nel giugno dello stesso 2008 i disegni delle copertine di Pinter (insieme a quelle di Karel Thole e Carlo Jacono) furono esposte a Lucca nella grande mostra Copertinando[5].

Nell'ottobre del 2011 la casa editrice Scarabeo ha pubblicato le tavole di un Pinocchio[6] a cui Ferenc Pinter aveva lavorato, su richiesta di Pietro Alligo, negli ultimi anni della vita, ma che era rimasto inedito. Una cinquantina di tavole che ci appaiono come la summa dell'opera dell'artista: tempere veloci e controllate, pennellate dense e corpose, grande sapienza prospettica. Un'edizione tra le più belle del capolavoro collodiano.

È stato autore di una Guida al disegno pubblicata da Mondadori nel 1984, con testi di Donatella Volpi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tutti i Maigret di Pintér, a cura di Santo Alligo, prefazione di Ferenc Pintér, Torino, Little Nemo Editore, 2008
  2. ^ Franco Pinter, in: AAVV, Disegnare il libro. Grafica editoriale in Italia dal 1945 ad oggi, Milano, Scheiwiller, 1987
  3. ^ Prìncipi e Princípi: Quarantasette anni da Oscar
  4. ^ www.wonderful-tarot.org, wonderful-tarot.org. URL consultato il 07-05-2008.
  5. ^ Copertinando. I grandi illustratori nelle copertine Mondadori, a cura di Angelo Nencetti, Lucca, Real Collegio, 2008
  6. ^ Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio, Illustrazioni di Ferenc Pinter, Lo Scarabeo, 2011

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN19799428 · ISNI: (EN0000 0001 1022 1761 · BNF: (FRcb126318414 (data)