Faro (birra)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una faro Boon

La Faro è una birra lambic a cui viene aggiunto zucchero, solitamente quello bruno candito (ma anche melassa, saccarosio, caramello o qualsiasi altro dolcificante) durante la fermentazione, anche per ridurre l'acidità dovuta allo stesso processo di fermentazione spontanea[1][2][3].
Si ottiene tagliando birre lambic la cui componente più vecchia è maturata per almeno tre anni in barili di legno e birre marzoline, ma si definiscono Faro anche le lambic miscelate con birre ad alta fermentazione.
La sua componente microbica determinante è costituita dalla specie Brettanomyces bruxellensis e/o lambicus, ha un pH massimo di 3.8, la sua gradazione saccarometrica iniziale minima è di 8° Plato, l'indice di colore massimo è di 30 EBC mentre l'indice di amaro è compreso tra 3 e 22 IBU, ovvero da impercettibile a basso[4]. Al palato è frizzante ed il sapore è allo stesso tempo dolce, fresco ed acidulo; il colore è ambrato, la schiuma è abbastanza fine e persistente, abbondante e color nocciola.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ LAMBIC: FARO & MARS, le specialità cadute in disgrazia, su Giornale della Birra. URL consultato il 22 maggio 2018.
  2. ^ Il "Faro" che illumina Bruxelles, su Fermento Birra, 28 marzo 2014. URL consultato il 22 maggio 2018.
  3. ^ Birre: Faro, su euroricette.it. URL consultato il 22 maggio 2018.
  4. ^ (EN) Beer Styles, su skotrat.com. URL consultato il 22 maggio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici