Fabio Conforto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabio Conforto

Fabio Conforto (Trieste, 13 agosto 1909Roma, 24 febbraio 1954) è stato un matematico italiano, tra i maggiori rappresentanti della scuola italiana di geometria algebrica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver studiato a Vienna, Trieste, Milano e Roma, nel 1931 si laureò all'Università di Roma. Dopo un periodo di perfezionamento a Università di Gottinga e il servizio militare, fu assunto come assistente di Enrico Bompiani all'Università di Roma. Fu anche collaboratore di Mauro Picone all'Istituto Nazionale per le Applicazioni del Calcolo. Fu influenzato soprattutto da Guido Castelnuovo, Federigo Enriques e Francesco Severi. Nel 1939 succedette a Gaetano Scorza all'Università di Roma. Dopo aver combattuto nella seconda guerra mondiale, cominciò a scrivere libri sulle funzioni abeliane e automorfe e sulla topologia. Due di questi furono pubblicati postumi (nel 1956 e nel 1960). Scrisse un centinaio di lavori sugli stessi argomenti trattati nei suoi libri, soprattutto su questioni applicative collegate con l'opera prestata presso l'Istituto di calcolo. Tra i suoi allievi vanno menzionati Giuseppe Panella, Maria Scafati, Mario Benedicty e Mario Rosati.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]