Fabbrica Automobili Storero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabbrica Automobili Storero
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1912 a Torino
Fondata daLuigi Storero
Chiusura1916 (1919)[1]
Sede principaleTorino
Settore(Autoveicoli)
Prodottiautovetture
Notesecondo fonti differenti l'azienda cessa la produzione nel 1916 o nel 1919, probabilmente si fermò la produzione dei veicoli nel 1916 e rimase l'assistenza vendita ricambi fino al 1919

La Fabbrica Automobili Storero era una casa automobilistica italiana, fondata a Torino nel 1912 da Luigi Storero e rimasta in attività fino al 1916.

Innovazioni tecniche[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda montò sulle sue vetture alcune innovazioni tecnologiche che riguardavano: il motore, la frizione e il cambio in blocco, la frizione a secco, l’impianto frenante, a leva o a pedale che agivano entrambi solo sulle ruote posteriori ( soluzione tecnica per i freni tipica di quegli anni usata anche da altre aziende).

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche
delle vetture prodotte dalla "Storero"
(lista parziale)
Modello 15/20 HP 25/30 HP tipo B 20/30 C 35/50 HP C2 A B AS B2
Cilindrata cm³ 3308 4398 3686 5526 4426 - - - -
nr. cilindri 4 4 4 6 6 - - - -
Trasmissione cardanica - - - - - - - -

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Risulta una partecipazione all'8° Targa Florio del 1913 - 2º Giro di Sicilia di una Storero Mod.B pilotata da Ferdinando Minoia iscritta con il numero di gara 24 che risulta ritirata dalla prima tappa[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]