Euchoreutes naso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gerboa dalle lunghe orecchie
Immagine di Euchoreutes naso mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Famiglia Dipodidae
Sottofamiglia Euchoreutinae
Genere Euchoreutes
Specie E.naso
Nomenclatura binomiale
Euchoreutes naso
Sclater, 1891

Il gerboa dalle lunghe orecchie (Euchoreutes naso Sclater, 1891) è un roditore della famiglia dei Dipodidi, unica specie del genere Euchoreutes (Sclater, 1891), diffuso in Cina e Mongolia.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 80 e 95 mm, la lunghezza della coda tra 144 e 185 mm, la lunghezza del piede tra 41 e 49 mm, la lunghezza delle orecchie tra 37 e 47 mm e un peso fino a 38 g.[3]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio presenta un rostro lungo e sottile, le bolle timpaniche enormi e le arcate zigomatiche sottili e dirette verso il basso. Gli incisivi superiori sono bianchi e stretti, il premolare superiore è ridotto e di forma circolare.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 1 0 1 1 0 1 3
3 0 0 1 1 0 0 3
Totale: 18
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Le parti dorsali variano dal giallo-rossastro al rossiccio chiaro con la base dei peli grigia, mentre i fianchi e le parti ventrali sono bianche. La testa è allungata, il muso è sottile, gli occhi sono relativamente piccoli. Le vibrisse sono lunghe. Le orecchie sono notevolmente grandi, lunghe poco meno della metà del corpo e sono strette. Le zampe anteriori sono corte, quelle posteriori sono allungate, con i tre metatarsi centrali parzialmente fusi e terminano con cinque dita, delle quali le due più esterne sono attaccate più indietro e sono ridotte. Sulla loro superficie ventrale sono presenti dei ciuffi di setole. La coda è molto più lunga della testa e del corpo, è ricoperta di piccoli peli biancastri e termina con un ciuffo di lunghi peli bianchi, con una banda centrale nera. Le femmine hanno quattro paia di mammelle.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

È una specie terricola e notturna, adattata ad un andamento saltatorio.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre principalmente di parti vegetali e talvolta di insetti e lucertole.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce agli inizi della primavera. Le femmine danno alla luce 2-6 piccoli alla volta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nell'Asia centrale dallo Xinjiang occidentale attraverso la Cina centro-settentrionale fino alla Mongolia meridionale.

Vive nelle regioni desertiche, solitamente in colline sabbiose ai margini di oasi o in vallate con vegetazione sparsa.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono state riconosciute 3 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa e la presenza in diverse aree protette, classifica E.naso come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Batsaikhan, N., Avirmed, D., Tinnin, D. & Smith, A.T. 2008, Euchoreutes naso su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Euchoreutes naso in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Smith & Xie, 2008

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrew T.Smith & Yan Xie, A guide to the Mammals of China, Princeton University Press, 2008, ISBN 9780691099842.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi