Etopropazina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Etopropazina
Profenamine.svg
Nome IUPAC
N,N-dietil-1-(10H-phenothiazin-10-il)propan-2-ammina
Nomi alternativi
Profenamina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC19H24N2S
Massa molecolare (u)312,473
Numero CAS1094-08-2
Numero EINECS208-320-4
Codice ATCN04AA05
PubChem3290
DrugBankDB00392
SMILES
CCN(CC)C(C)CN1C2=CC=CC=C2SC3=CC=CC=C31
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Emivitada 1 a 2 ore
Indicazioni di sicurezza

L'etopropazina (conosciuta anche come Profenamina) è un composto appartenente alla classe delle fenotiazine la cui somministrazione si rivela particolarmente utile nei soggetti che presentano rigidità muscolare.

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Etopropazina è dotata di proprietà antimuscariniche, antiadrenergiche, antistaminiche lievi e ganglio-bloccanti. Il composto è dotato anche di debole attività di tipo antistaminico ed anestetica locale.

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo somministrazione per via orale il farmaco viene adeguatamente assorbito dal tratto gastroenterico. Gli effetti del farmaco si manifestano entro 30-60 minuti dall'assunzione e persistono per circa 4 ore. Studi sperimentali nel ratto hanno evidenziato che etopropazina si concentra principalmente nel sistema nervoso centrale (SNC), nel tessuto cardiaco e nel plasma. I diversi enantiomeri non sembrano concentrarsi in modo differente nelle diverse parti del cervello (substantia nigra, corteccia o corpo striato).[1][2]

Tossicologia[modifica | modifica wikitesto]

Studi sperimentali negli animali (topo)) hanno evidenziato valori di DL50, quando assunta per os, pari a 650 mg/kg peso corporeo.

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

L'etopropazina cloridrato trova indicazione come coadiuvante nel trattamento sintomatico di tutte le forme di parkinsonismo. È utile anche nel trattamento delle reazioni extrapiramidali indotte da farmaci,[3] ed è stata utilizzata anche nella paralisi cerebrale infantile.[4] Il composto non si è invece dimostrato efficace nelle discinesie tardive che anzi possono essere aggravate.
Il composto è stato anche utilizzato per il trattamento sintomatico della degenerazione epatolenticolare e dell'atetosi congenita.

Effetti collaterali e indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

In corso di trattamento sono state segnalate diversi effetti collaterali, tra cui in particolare vertigini, visione offuscata, confusione mentale, stanchezza, sonnolenza. In genere la maggior parte di questi effetti sono transitori e si riducono fino a scomparire con la diminuzione del dosaggio, che solo in rari casi deve essere completamente interrotto.
Altri effetti collaterali includono secchezza del cavo orale, nausea, vomito, crampi muscolari, sensazione di pesantezza alle estremità, rash cutanei, cefalea, ipotensione, atassia, accentuazione della sindrome parkinsoniana, ritenzione urinaria, stipsi.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il farmaco è controindicato nei soggetti con ipersensibilità individuale nota al principio attivo oppure ad uno qualsiasi degli eccipienti utilizzati nella formulazione farmaceutica. È inoltre controindicato nei pazienti affetti da glaucoma o ipertrofia prostatica. Nei pazienti affetti da disturbi mentali, i quali assumono etopropazina per controllare le reazioni extrapiramidali indotte da altri farmaci, è richiesta una particolare cautela, soprattutto nella fase iniziale del trattamento ed ogni qual volta si ritenga utile ricorrere ad un adeguamento del dosaggio, in quanto si può avere un peggioramento dei disturbi mentali e la comparsa di psicosi tossiche.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

L'etopropazina viene somministrata per via orale, sotto forma del suo sale cloridrato, al dosaggio iniziale di 50 mg, una o due volte al giorno. La dose iniziale viene successivamente e gradatamente incrementata fino a 100–400 mg al giorno, dosaggi ritenuti standard per pazienti con sintomatolagia lieve. Nei casi più gravi si può raggiungere un dosaggio pari a 500–600 mg al giorno.

Gravidanza e allattamento[modifica | modifica wikitesto]

In letteratura medica non sono documentati effetti avversi durante l'uso in gravidanza. Tuttavia il farmaco può essere usato dalle donne in stato di gravidanza solo quando il potenziale beneficio per la gestante giustifichi i possibili rischi per il nascituro. Il farmaco viene escreto nel latte materno,[5] pertanto non dovrebbe essere utilizzato da donne che allattano al seno.

Interazioni[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenze[modifica | modifica wikitesto]

Etopropazina può causare sedazione e sonnolenza. Per questa ragione il paziente che viene posto in trattamento deve essere avvisato di utilizzare estrema cautela nella guida di veicoli o nello svolgimento di attività che richiedono elevati livelli di attenzione e prontezza di riflessi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DR. Brocks, M. Maboudian-Esfahani, Disposition of ethopropazine enantiomers in the rat: tissue distribution and plasma protein binding., in J Pharm Pharm Sci, vol. 2, nº 1, pp. 23-9, PMID 10951659.
  2. ^ M. Maboudian-Esfahani, DR. Brocks, High-performance liquid chromatographic assay of (+/-)-ethopropazine and its enantiomers in rat plasma., in J Chromatogr B Biomed Sci Appl, vol. 715, nº 2, Set 1998, pp. 417-23, PMID 9792528.
  3. ^ G. Chouinard, L. Annable; A. Ross-Chouinard; ML. Kropsky, Ethopropazine and benztropine in neuroleptic-induced parkinsonism., in J Clin Psychiatry, vol. 40, nº 3, Mar 1979, pp. 147-52, PMID 33969.
  4. ^ RG. Mitchell, Ethopropazine hydrochloride in treatment of cerebral palsy., in Br Med J, vol. 1, nº 4823, Giu 1953, pp. 1313-5, PMID 13042233.
  5. ^ J.J. Rowan, Excretion of drugs in milk, in Pharmaceutical Journal, 1976.