Etilene vinil acetato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Etilene Vinil Acetato)
Jump to navigation Jump to search
Etilene vinil acetato
Struttura dell'etilene vinil acetato
Struttura dell'etilene vinil acetato
Abbreviazioni
EVA
Numero CAS 24937-78-8
Caratteristiche generali
Composizione (C2H4)n(C4H6O2)m
Indicazioni di sicurezza

frasi R: R ---
frasi S: S ---[1]

L'etilene vinil acetato (spesso indicato con la sigla EVA) è una materia plastica copolimerica di etilene e acetato di vinile.

È utilizzato per realizzare prodotti particolarmente flessibili ed elastici.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Trova impiego industriale nella modifica delle proprietà elastiche del bitume.

Nella produzione di pannelli solari fotovoltaici vengono usati fogli di EVA per sigillare il tutto. Le celle, assemblate in stringhe e connesse in serie, vengono racchiuse fra due fogli di EVA a formare una sorta di sandwich; poi il pannello solare fotovoltaico, ancora diviso in molti strati: Vetro + EVA + celle + EVA + Foglio posteriore (Back sheet), viene sottoposto ad un processo termico sottovuoto, chiamato laminazione, che portando l'EVA a temperature superiori a 150 °C per tempi di circa 10 minuti, permette la polimerizzazione dell'EVA e incapsula ed isola il tutto dall'aria, garantendo così un tempo di vita molto lungo.

Un altro esempio di utilizzo è dato dal designer Forrest Jessee, che con questo materiale ha progettato e realizzato una tuta del sonno, la "Sleep Suit", capace di sostenere e proteggere il corpo in situazioni scomode.

L’EVA espanso è inattaccabile da funghi e batteri, anallergico e atossico, per tutte queste proprietà viene ampiamente utilizzato nella produzione di giochi colorati per bambini (strutture tridimensionali o tappetini da gioco componibili), nel packaging di prodotti di pregio, nella realizzazione di tappeti o accessori per palestre e piscine, o ancora come materia prima dei sandali colorati o intersuole per scarpe sportive. In queste ultime l'Eva, appunto l'etilene vinil acetato, è utilizzato per creare la parte ammortizzante di una scarpa da corsa; la parte ammortizzante può essere creata con un EVA "morbido" o un EVA "duro" in base alle esigenze del corridore e della categoria della scarpa (asfalto, sterrato, trail...). Gli atleti sanno che l'EVA inizia a non essere più efficace dopo i 500/700 km per la sua scarsa ammortizzazione causata dal degrado della scarpa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 18.05.2012

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]