Estadio de Mongomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Estadio de Mongomo
Stade-Mongomo.jpg
Informazioni
StatoGuinea Equatoriale Guinea Equatoriale
UbicazioneMongomo
Inaugurazione2011
Mat. del terrenoErba
ProprietarioMongomo
Gestorenazionale di calcio della Guinea Equatoriale
Progettorlarchitects[1]
Uso e beneficiari
CalcioDeportivo Mongomo
Capienza
Posti a sedere15000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 1°31′43″N 11°19′00.12″E / 1.52861°N 11.3167°E1.52861; 11.3167

L'Estadio de Mongomo è un impianto sportivo polivalente situato a Mongomo, in Guinea Equatoriale. Lo stadio ospita prevalentemente incontri di calcio e gare di atletica leggera. Inaugurato nel 2011, possiede una capacità approssimativa di 15 000 spettatori.

Ospita le partite casalinghe del Deportivo Mongomo.

Nel novembre 2014, è stato scelto dalla CAF come una delle quattro sedi per ospitare la Coppa d'Africa 2015.[2] Nell'impianto si sono giocati sei incontri della fase a gironi, mentre il quarto di finale che si sarebbe dovuto disputare da programma è stato trasferito al Nuevo Estadio de Malabo.[3]

Incontri internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa delle Nazioni Africane 2015[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Fase del torneo Paganti
19 gennaio 2015 Ghana Ghana - Senegal Senegal 1-2 Gruppo C 13 569
19 gennaio 2015 Algeria Algeria - Sudafrica Sudafrica 3-1 Gruppo C 12 788
23 gennaio 2015 Ghana Ghana - Algeria Algeria 1-0 Gruppo C 12 387
23 gennaio 2015 Sudafrica Sudafrica - Senegal Senegal 1-1 Gruppo C 13 674
27 gennaio 2015 Sudafrica Sudafrica - Ghana Ghana 1-2 Gruppo C 13 670
28 gennaio 2015 Guinea Guinea - Mali Mali 1-1 Gruppo D 13 470

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mongomo Stadium, rlarchitects.co (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2014).
  2. ^ (EN) Equatorial Guinea designated host country of Orange AFCON 2015, cafonline.com, 14 novembre 2014. URL consultato il 14 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Quarterfinal matches of Ebebiyin and Mongomo relocated respectively to Bata and Malabo, CAFonline.com, 27 gennaio 2015. URL consultato il 29 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]