Eraldo Baldini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Eraldo Baldini (Russi, 21 dicembre 1952) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a dedicarsi alla narrativa dalla fine degli anni ottanta, dopo essersi specializzato in antropologia culturale ed etnografia ed avere scritto diversi saggi in quei campi. La sua prima produzione a carattere mystery è la raccolta di racconti Nella nebbia pubblicata dallo stesso editore degli studi sul folklore romagnolo; la rinomanza di Baldini cresce poi gradualmente da quando, nel 1991, vince il Mystfest di Cattolica con il racconto Re di Carnevale[1]. Per la sua narrativa viene coniato il termine di «gotico rurale»[2][3] perché Baldini è riuscito a trasporre un genere tipicamente anglosassone e d'ambientazione urbana, nei siti a lui familiari della campagna romagnola.[senza fonte]

Oltre ad essere un romanziere affermato in Italia e all'estero, Eraldo Baldini è anche sceneggiatore, autore teatrale e organizzatore di eventi culturali[4]. Nei giorni 14 e 15 aprile 2009 viene trasmessa su Rai Uno la fiction Mal'aria, tratta dall'omonimo romanzo.

Vive a Ravenna.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi, Halloween: nei giorni che i morti ritornano, Segrate, Einaudi, 2006, ISBN 9788806184964
  • Il gladiatore dimenticato : mito e realta nella vicenda di Tumelico, figlio dell'eroe germanico Arminio, Ravenna, Longo, 2009 ISBN 978-88-8063-616-8
  • Eraldo Baldini, Norino Cani, Pietro Compagni, Pasqua di sangue. La Battaglia di Ravenna 11 aprile 1512, Ravenna, Longo, 2012 ISBN 978-88-8063-710-3
  • Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi, Tenebroso Natale, Bari, Laterza, 2012, ISBN 978-88-420-9079-3
  • Tenebrosa Romagna: mentalità, misteri e immaginario collettivo nei secoli della paura e della "maraviglia", Cesena, Il Ponte Vecchio, 2014, ISBN 978-88-6541-363-0
  • I riti della tavola in romagna. Il cibo e il convivio: simbolismo, tradizioni, superstizioni, Cesena, Il Ponte Vecchio, 20114, ISBN 978-88-6541-430-9
  • I misteri di Ravenna : la faccia nascosta della storia e della memoria, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2015, ISBN 978-88-6541-468-2
  • Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi, Halloween:origine, significato e tradizione di una festa antica anche in Italia, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2015, ISBN 978-88-6541-492-7
  • I riti del nascere in Romagna : gravidanza, parto e battesimo in una cultura popolare, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2016, ISBN 978-88-6541-534-4
  • Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi, Calendario e tradizioni in Romagna, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2016, ISBN 978-88-6541-581-8
  • Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi, Misteri e curiosità della Bassa Romagna, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2017, ISBN 978-88-6541-622-8
  • Eraldo Baldini e Susanna Venturi, Prima del liscio. Il ballo e i balli nella vecchia tradizione della Romagna, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2017, ISBN 978-88-6541-636-5
  • Fantasmi e luoghi stregati di Romagna: tra mito, leggenda e cronaca, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2017, ISBN 978-88-6541-682-2
  • Sotto il segno delle corna, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2017, ISBN 978-88-6541-683-9
  • Eraldo Baldini e Aurora Bedeschi, Il fango, la fame, la peste. Clima, carestie ed epidemie in Romagna nel Medioevo e in Età moderna, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2018, ISBN 978-88-6541-730-0
  • I giorni del sacro e del magico. Tradizioni "dimenticate" del ciclo dell'anno in Romagna, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2018, ISBN 978-88-6541-768-3

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Lucarelli, Un mistero all'anno, su Mystfest. URL consultato il 17 giugno 2017.
  2. ^ Francesco Guccini, Postfazione in Eraldo Baldini, Gotico rurale, Milano, Frassinelli, 2000, pp. 170, ISBN 88-7684-613-1.
  3. ^ Ombretta Romei, Pulp, settembre-ottobre 2003, http://www.eraldobaldini.it/dicono%20di%20lui.htm. URL consultato il 17 giugno 2017.
  4. ^ Eraldo Baldini: Non solo gotico rurale, su paolomarzola.com, 7 ottobre 2009. URL consultato il 17 giugno 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44325032 · ISNI (EN0000 0000 5509 8923 · SBN IT\ICCU\CFIV\042819 · LCCN (ENn88020497 · GND (DE136792359 · BNF (FRcb120880152 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88020497