Giuseppe Bellosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Bellosi (Maiano Nuovo di Fusignano, 1954) è un etnologo, glottologo e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato giovanissimo a fare ricerche sul folclore, la letteratura e i dialetti romagnoli, raccogliendo materiale bibliografico e numerose interviste sul territorio. In seguito una parte di queste interviste è stata messa a disposizione della Fondazione Casa di Oriani, che le sta rendendo disponibili online sul sito del Centro per il dialetto romagnolo[1]. I suoi primi saggi sulla cultura romagnola risalgono alla seconda metà degli anni '70, quando pubblica Cento anni di poesia dialettale romagnola e i due volumi di Romagna civiltà, in collaborazione col dialettologo riminese Gianni Quondamatteo. Per queste ricerche nel 2000 è stato insignito del Premio Guidarello.

All'inizio degli anni '80 è stato chiamato a far parte di una commissione istituita dall'Associazione Amici dell'Arte di Cervia, avente lo scopo di definire un'ortografia comune per i dialetti romagnoli. I criteri definiti dalla commissione sono stati in seguito pubblicati nel volume Regole fondamentali di grafia romagnola (Ravenna, Edizioni del Girasole, 1986), e sono stati adottati per numerose pubblicazioni.[2]

Negli anni successivi ha allargato le sue ricerche di etnologia a livello europeo e mondiale, pubblicando due saggi su Halloween (Einaudi) e sul Natale (Laterza), entrambi in collaborazione con Eraldo Baldini.

All'attività di ricercatore ha affiancato da sempre la composizione di versi in dialetto romagnolo, pubblicati in diverse raccolte, a partire dalla prima metà degli anni '70 e fino ad oggi (in questa veste usa talvolta lo pseudonimo Jusëf d'Piacöt). Da alcuni anni ha iniziato a esibirsi in pubblico, da solo o in collaborazione con altri artisti, presentando testi propri o di altri autori romagnoli, classici o contemporanei.
È direttore della Biblioteca Piancastelli di Fusignano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia in romagnolo
  • D'int al tër, Lugo, Walberti, 1973
  • Al foi di bdol, Lugo, Walberti, 1974
  • I segn. Puisei in rumagnol, con incisioni di M. Lapucci, Ravenna, Edizioni del Girasole, 1980
  • E' paradis, Forlì, Centro culturale nuovo ruolo 1982
  • E' paradis, traduzione di L. Rambelli, Faenza, Moby Dick, 1992
  • L'inveran, Roma, Associazione culturale Il Bradipo, 1993
  • Bur, traduzione e note di L. Rambelli, Venezia, Marsilio, 2000[3]
Saggi
  • Cento anni di poesia dialettale romagnola, con G. Quondamatteo, Imola, Grafiche Galeati, 1976
  • Romagna civiltà, con G. Quondamatteo, Imola, Grafiche Galeati, 1977
  • Le parlate dell'Emilia e della Romagna, con G. Quondamatteo, Firenze, Edizioni del Riccio, 1979
  • L'altra lingua (con M. Savini), Ravenna, Longo, 1980
  • Vi do la buonasera. Studi sul canto popolare in Romagna, con T. Magrini, Bologna, Clueb 1982
  • Sotto mentite spoglie. Indovinelli romagnoli del XVIII e XIX secolo, Rimini, Maggioli, 1988
  • Calendario e folklore in Romagna, con E. Baldini, Ravenna, Il Porto, 1989
  • Tera bianca, sment negra. Dialetti, folklore e letteratura dialettale di Romagna nella Biblioteca di Carlo Piancastelli, Ravenna, Longo, 2000
  • Verificato per censura. Lettere e cartoline di soldati romagnoli nella prima guerra mondiale, con M. Savini, Cesena, Il Ponte vecchio, 2002
  • Halloween. Nei giorni che i morti ritornano, con Eraldo Baldini, Torino, Einaudi 2006, (collana Stile Libero)
  • Tenebroso Natale. Il lato oscuro della Grande Festa, con Eraldo Baldini, Roma-Bari, Laterza, 2012
Curatele
  • Lei capisce il dialetto? Raffaello Baldini fra poesia e teatro, con M. Ricci, Ravenna, Longo, 2003
  • Poets from Romagna, Blaenau Ffestiniog, Cinnamon Press, 2013
  • Rino Molari, I dialetti di Santarcangelo e della vallata della Marecchia, con Davide Pioggia, Santarcangelo-Imola, MET-La Mandragora, 2013, ISBN 978-88-7586-407-1.
Traduzioni
  • Raffaello Baldini, La Fondazione (a cura di C. Martignoni), Torino, Einaudi, 2008
  • Requiem, traduzione Loris Rambelli, xilografie Umberto Giovannini, Montefiore Conca, Opificio della Rosa, 2013
Materiale audiovisivo
  • Romagna, con T. Magrini e A. Sistri, Rozzano, Editoriale Sciascia, 1980, 33 rpm (collana «Albatros»)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Centro per il dialetto romagnolo
  2. ^ Per una storia dello sviluppo della grafia di alcuni dialetti romagnoli cfr. Daniele Vitali, L'ortografia romagnola, Ravenna-Cesena, Associazione Friedrich Schürr & Il Ponte Vecchio, 2009, pp. 9-11 testo online
  3. ^ * Recensioni (elenco tratto da G. Fucci, op. cit.): G. Lauretano, «Graphie», giu. 1999; S. Medri, «Università Aperta», dic. 2000; Franco Loi, «Domenica - Il Sole 24 Ore», 17 dic. 2000; G.M. Gori, «Corriere Romagna», 28 dic. 2000; A. Taglioni, «Centomila», 18 gen. 2001; Nevio Spadoni, «Confini», gen.-apr. 2001; A. Castronuovo, «Corriere Romagna», 4 feb. 2001; D. Piccini, «Famiglia Cristiana», 4 mar. 2001; Giovanni Tesio, «Tuttolibri», 8 set. 2001; G. Lauretano, «Il parlar franco», 2001; D. Argnani, «L'Ortica», ott-dic. 2002
  4. ^ Elenco premiati dal 1972 ad oggi[collegamento interrotto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Critica letteraria e bio-bibliografie

È stato oggetto di varie analisi critiche. Una delle più autorevoli, che ha richiamato su di lui l'attenzione a livello nazionale, è quella di Franco Brevini, che lo ha inserito nel suo saggio sulla poesia dialettale del Novecento.

  • Franco Brevini, Le parole perdute. Dialetti e poesia del nostro secolo, Torino, Einaudi, 1990 (pp. 85, 120, 369)
  • La parola ritrovata. La poesia contemporanea fra lingua e dialetto, a cura di E. Cipriani, A. Foschi, G. Nadiani, Ravenna, Longo, 1990 (contiene l'articolo di Paolo Ruffilli citato qui sotto e un'antologia di G. Bellosi alle. pp 96-98)
  • Paolo Ruffilli, "La 'nuova' poesia romagnola", in: La parola ritrovata. La poesia contemporanea fra lingua e dialetto, Ravenna, Longo, 1990, pp. 75-79 (contiene un breve profilo di G. Bellosi e un'analisi critica della sua opera)
  • La poesia dialettale romagnola del Novecento, a cura di Gualtiero De Santi, Rimini, Maggioli, 1994 (contiene, fra l'altro, l'articolo di Franco Brevini citato qui sotto)
  • Franco Brevini, "La linea romagnola nella poesia dialettale del Novecento", in: La poesia dialettale romagnola del Novecento, Rimini, Maggioli, 1994, pp. 15-21
  • Le radici e il sogno. Poeti dialettali del secondo Novecento in Romagna, a cura di L. Benini Sforza e N. Spadoni, Faenza, Mobydick, 1996, pp. 169-179 (contiene un ampio profilo bio-bibliografico, un'analisi critica e un'antologia)
  • Il pensiero dominante. Poesia italiana 1970-2000, antologia a cura di Franco Loi e Davide Rondoni, Milano, Garzanti, 2001, pp. 51-53 (contiene un profilo dell'autore e la poesia I segn)
  • Gianni Fucci, Dizionario dei poeti romagnoli del Novecento, Verucchio, Pazzini, 2006, pp. 45-53 (contiene informazioni biografiche, l'elenco delle opere, un'antologia della critica e un'ampissima bibliografia). ISBN 978-88-89198-97-1

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64126929 · ISNI (EN0000 0000 6300 6419 · SBN IT\ICCU\CFIV\046369 · LCCN (ENn78076004 · GND (DE132635070 · BNF (FRcb12667395r (data) · BAV (EN495/306976 · WorldCat Identities (ENlccn-n78076004