Episodi di Made in Italy (serie televisiva 2019)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La prima stagione della serie televisiva Made in Italy, composta da 8 episodi, è stata pubblicata in prima visione su Prime Video il 23 settembre 2019, mentre in chiaro è composta da 4 puntate e viene trasmessa ogni mercoledì in prima serata su Canale 5 dal 13 gennaio al 3 febbraio 2021.[1]

Titolo in streaming Pubblicazione Titolo in chiaro Prima TV
1 Episodio 1 23 settembre 2019 1 Prima puntata 13 gennaio 2021
2 Episodio 2
3 Episodio 3 2 Seconda puntata 20 gennaio 2021
4 Episodio 4
5 Episodio 5 3 Terza puntata 27 gennaio 2021
6 Episodio 6
7 Episodio 7 4 Quarta puntata 3 febbraio 2021
8 Episodio 8

Prima puntata[modifica | modifica wikitesto]

Milano, 1974. Irene Mastrangelo è una ragazza di 23 anni, fidanzata da anni con Luigi, che grazie ai sacrifici dei genitori, immigrati dal Sud, ha potuto frequentare la facoltà di Storia dell’arte all’Università. Arrivata ormai all’ultimo esame, dopo una discussione con il professore rifiuta il voto che le avrebbe permesso di laurearsi e per non gravare più sulla famiglia decide di mantenersi trovando un lavoro. Riesce quindi a ottenere un posto di assistente redattrice nella prestigiosa rivista di moda Appeal, ma così facendo si scontra con il padre, che avrebbe preferito che lei si concentrasse sugli studi.

Il mondo della moda, stravagante e ricco di stimoli, affascina da subito Irene, che stringe amicizia con l’altra giovane assistente, la disinibita Monica, e viene “adottata” dalla pur severa Rita, la redattrice senior, anticonformista e sempre in polemica con Nava, il vicedirettore, attento solo all’aspetto economico. Quello che Rita vorrebbe portare dentro Appeal è uno sguardo nuovo, attento a quello che sta accadendo alla moda milanese di quegli anni: siamo infatti nel pieno di una vera e propria rivoluzione che, grazie al talento e alla visione imprenditoriale di un gruppo di straordinari stilisti, sta portando la moda italiana a competere con quella francese.

  • Ascolti Italia: telespettatori 3.249.000 – share 13,7%[2].

Seconda puntata[modifica | modifica wikitesto]

Irene incontra i coniugi Missoni nel loro quartier generale a Sumirago (Varese), dove sono state realizzate le riprese, e a un servizio fotografico nel deserto del Marocco dedicato alle creazioni di Raffaella Curiel.

Mentre Monica riesce con un'idea creativa a realizzare un servizio di moda bambini, Irene deve andare dai Missoni a Sumirago per prendere dei vestiti per un servizio. Ma una volta arrivata Irene capisce che può ottenere un'intervista esclusiva, iniziativa per nulla apprezzata dal vicedirettore Nava.

Ma la giornata non è finita: la cena con i genitori di Luigi finisce in un modo inaspettato. Ad Irene che è tornata single, viene affidato un servizio fotografico per Lella Curiel da realizzare in Marocco. La modella è Helena, che una volta arrivati in Marocco esagera con l'alcol e non può posare. Irene per non rinunciare al servizio convince il fotografo John Sassi, con il quale finisce a letto, a sostituire Helena con una cameriera di colore. Ma l'idea di Irene non avrà il successo sperato ad Appeal.

  • Ascolti Italia: telespettatori 2.525.000 – share 10,9%[3].

Terza puntata[modifica | modifica wikitesto]

  • Ascolti Italia:

Quarta puntata[modifica | modifica wikitesto]

  • Ascolti Italia:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Ino, Made in Italy, dopo Prime Video dal 13 gennaio 2021 finalmente su Canale 5, su Teleblog, 18 dicembre 2020. URL consultato il 13 gennaio 2021.
  2. ^ Fabio Fabbretti, Ascolti TV | Mercoledì 13 gennaio 2021. Vince Juve-Genoa (18.9%), Made in Italy parte dal 13.7%, su davidemaggio.it, 14 gennaio 2021. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  3. ^ Mattia Buonocore, Ascolti TV | Mercoledì 20 gennaio 2021. In 7,9 mln per la Supercoppa (29%), Made in Italy cala al 10.9% e si fa avvicinare dalla Sciarelli (10.2%). L’insediamento di Biden su Rai1 17.3%, su davidemaggio.it, 21 gennaio 2021. URL consultato il 21 gennaio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]