Enrico Allimandi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enrico Allimandi (Revigliasco, 5 agosto 1906Torino, 19 gennaio 1984[1]) è stato un pittore italiano vissuto nel Novecento a Torino.

Frequentò nel 1929 il gruppo del secondo futurismo torinese, con esponenti come Nicola Diulgheroff e Farfa,[2] dal quale poi di distaccò seguendo una pittura personale, onirica. La sua è un'opera enigmatica e piena di senso del mistero[3].

Molte opere dell'artista si trovano esposte nella mostra permanente Galleria Narciso a Bologna[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Carluccio, Allimandi, Torino, Galleria d'Arte La Bussola, 1966
  • Allimandi: peintures, dessins, litographies, Paris, Galerie 3+2, 1969
  • Enrico Allimandi: 1906-1984, Torino, Galleria Davico, 1984
  • Allimandi: dal futurismo all'art fantastique, Torino, Galleria d'arte Narciso, 1987
  • Luca Beatrice, Enrico Allimandi, introduzione di Enrico Crispolti, Torino, Stamperia artistica nazionale, 1992
  • Enrico Allimandi: art fantastique, Paris, Galerie Carpentier, 1993
  • A.V. Enrico Allimandi: gioco di magica allusività ed.Genesi, 2006
  • Enrico Allimandi: gioco di magica allusivita, 1906-1984, Torino, Galleria d'arte Narciso, 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN8196858 · LCCN: (ENn95012804 · SBN: IT\ICCU\TO0V\282205