Energia nucleare a Taiwan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa di localizzazione: Taiwan
Centrali elettronucleari a Taiwan.
Red pog.svg In funzione
Green pog.svg In costruzione
Blue pog.svg Future
Orange pog.svg In arresto a lungo termine
Purple pog.svg Chiuse
Black pog.svg Cancellate

Nel 2011 l'energia nucleare a Taiwan ha generato il 19% dell'energia elettrica prodotta in totale nel Paese[1].

A marzo 2010, sono presenti in questa nazione 3 centrali elettronucleari in funzione che dispongono complessivamente di 6 reattori operativi.

Si sta inoltre edificando una nuova centrale elettronucleare dotata di due reattori.

Non vi sono centrali elettronucleari chiuse.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La domanda elettrica è in rapida crescita, con aumenti dell'ordine del 3% per il 2013 (negli anni passati era anche il 5%). L'energia nucleare è una significativa parte della produzione elettrica, fornisce infatti il 17% dell'energia totale, mentre corrisponde all'11% della capacità installata (46GW)[2]

La nazione possiede 4 reattori BWR forniti dalla General Electric e due reattori PWR dalla Westinghouse. Tutti gli impianti sono gestiti dalla Taipower sotto il controllo del Ministero degli Affari Economici taiwanese, e hanno una aspettativa di vita di 40 anni. Nel 2007 l'Atomic Energy Council (AEC) ha decretato che Chin Shan, dopo valutazioni di sicurezza, è risultato sicuro per rimanere in funzione per ulteriori 20 anni, ma non è ancora stata presa una decisione definitiva; Taipower prospetta di avere un prolungamento delle licenze di funzionamento di 20 anni per tutti e 6 i reattori.[2]

Nel corso del 2008 sono stati fatti vari upgrade degli impianti, con un aumento netto di potenza di 44 MW. Sono poi prospettati altri lavori di ammodernamento ed aumento della potenza di tutti e 6 gli impianti per circa 440 MW totali[2]

Sono in costruzione due reattori ABWR a Lungmen, vicino Taipei, con il reattore fornito dalla General Electric, la turbina dalla Mitsubishi e gli altri componenti da altri fornitori. Quando i due reattori erano costruiti per circa un terzo, il nuovo governo cancellò il progetto, la cui costruzione fu riattivata dal successivo governo, è prevista la loro entrata in produzione commerciale nella fine del 2011.[2]

Programma nucleare futuro[modifica | modifica sorgente]

È in discussione l'espansione della capacità produttiva da fonte elettronucleare. Sono infatti state presentate richieste per sei nuovi reattori per 8 000 MW di potenza elettrica complessiva. Nel maggio 2009 si sono esaminate le proposte per i reattori, con la prima coppia in funzione per il 2020 in un nuovo sito, mentre più recentemente si è progettata unicamente l'espansione di Lungmen con un ulteriore reattore in funzione per il 2025[2]

Ciclo del combustibile[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ciclo del combustibile nucleare.

Tutto il combustibile è importato, non sono presenti impianti per la fabbricazione del combustibile nucleare o per l'arricchimento dell'uranio.[2]

Reattori di ricerca[modifica | modifica sorgente]

Sono presenti 4 reattori di ricerca a Taiwan ognuno da oltre 2.8 MW, sono presenti poi 2 piccoli reattori di ricerca spenti e decommissionati[2]

Gestione dei rifiuti e depositi geologici[modifica | modifica sorgente]

Un deposito per rifiuti a media e bassa radioattività è in funzione presso l'isola di Lan-Yu che è gestito dalla Taipower. È in considerazione la politica per il combustibile esausto per il suo riprocessamento. Sono necessari dei depositi a secco per Chin Shan e Kuosheng, un deposito geologico per il combustibile è pianificato per il 2032[2]

Produzione di uranio[modifica | modifica sorgente]

Taiwan non è un produttore di uranio, e secondo il "Red Book" non sono conosciute riserve uranifere note.[3]

Centrali elettronucleari[modifica | modifica sorgente]

Tutti i dati della tabella sono aggiornati a ottobre 2010

Reattori operativi[4]
Centrale Potenza netta
(MW)
Tipologia Inizio costruzione Allacciamento alla rete Produzione commerciale Dismissione
(prevista)
Chin Shan
(Reattori 1 e 2)
2x604 BWR 2 giugno 1972
7 dicembre 1973
16 novembre 1977
19 dicembre 1978
10 dicembre 1978
15 luglio 1979
2017
2018
Kuosheng (Reattore 1) 985 BWR 19 novembre 1975 21 maggio 1981 28 dicembre 1981 2021
Kuosheng (Reattore 2) 948 BWR 15 marzo 1976 29 giugno 1982 16 marzo 1983 2023
Maanshan (Reattore 1) 918 PWR 21 agosto 1978 9 maggio 1984 27 luglio 1984 2024
Maanshan (Reattore 2) 921 PWR 21 febbraio 1979 25 febbraio 1985 18 maggio 1985 2025
Totale: 6 reattori per complessivi 4.927 MW
Reattori in costruzione[2]
Centrale Potenza netta
(MW)
Tipologia Inizio costruzione Allacciamento alla rete
(prevista)
Produzione commerciale
(prevista)
Costo
(stimato)
Lungmen
(Reattori 1 e 2)
2x1300 ABWR 31 marzo 1999
30 agosto 1999
15 febbraio 2011
15 febbraio 2012
15 dicembre 2011
15 dicembre 2012
Totale: 2 reattori per complessivi 2.600 MW
Reattori pianificati ed in fase di proposta[2]
Totale programmati: 0 reattori per complessivi 0 MW
Totale proposti: 1 reattori per 1.350 MW
Reattori dismessi[4]
Nessuno
NOTE:
  • La normativa in vigore prevede la possibilità di sostituzione e/o aumento del parco reattori al termine del ciclo vitale degli impianti ancora in funzione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IAEA - PRIS database - Nuclear Power Plant Information - Nuclear Share in Electricity Generation.
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) WNA -Nuclear Power in Taiwan Pagina aggiornata alla versione di Settembre 2010
  3. ^ (EN) http://browse.oecdbookshop.org/oecd/pdfs/browseit/6608031E.PDF
  4. ^ a b (EN) IAEA - PRIS database - Taiwan, China: Nuclear Power Reactors - By Status.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]