Egidio Banti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Egidio Banti

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XV Legislatura
Gruppo
parlamentare
L'Ulivo
Coalizione L'Unione
Circoscrizione Liguria
Incarichi parlamentari
  • 10ª Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) dal 6 giugno 2006 al 28 aprile 2008
  • Membro della Commissione parlamentare per la semplificazione della legislazione dal 25 ottobre 2006 al 28 aprile 2008
  • Membro della Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse (Capogruppo) dal 18 novembre 2006 al 28 aprile 2008
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV Legislatura
Gruppo
parlamentare
Margherita, DL-L'Ulivo
Circoscrizione Liguria
Incarichi parlamentari
  • Componente della VIII Commissione (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici) dal 19 marzo 2004 al 27 aprile 2006
  • Componente della XIII Commissione (Agricoltura) dal 21 giugno 2001 al 19 marzo 2004
  • Componente della Commissione Parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse dal 13 febbraio 2002 al 27 aprile 2006
  • Componente della Commissione Parlamentare di inchiesta sulle cause dell'occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti dall'8 ottobre 2003 al 27 aprile 2006
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio Laurea in filosofia
Professione Giornalista

Egidio Banti (La Spezia, 29 aprile 1950) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia, normalista, docente di lettere, già iscritto alla Democrazia Cristiana, poi al Partito Popolare Italiano alla Margherita,e al Partito Democratico, attualmente milita nell'UDC. Proviene da una famiglia antifascista: il suo prozio Arnaldo Terzi, poi deportato e morto a Mauthausen, fu sindaco socialista di Sarzana all'epoca dei Fatti di Sarzana del 1921.

Giornalista pubblicista, ha diretto per diciotto anni, dal 1977 al 1995, il telegiornale quotidiano di Tele Liguria Sud, emittente cattolica spezzina. Dal 1999 è presidente, a Sarzana, del Centro di formazione e cultura "Niccolò V", che opera quale centro di cultura dell'Università Cattolica del "Sacro Cuore".

La sua attività politica, in un primo momento, si è svolta soprattutto a Genova ed alla Spezia: in quest'ultima provincia è stato, dal 1984 al 1989, segretario dell'allora Democrazia Cristiana, consigliere comunale e capogruppo prima della DC (1985 - 1993) e poi del PPI (1997 - 2002). A Genova è stato consigliere regionale per dieci anni (1990 - 2000), e dal 1992 ininterrottamente assessore in tre giunte diverse: alla Sanità, all'Urbanistica, all'Agricoltura e ai Parchi.

È stato eletto alla Camera dei deputati nel 2001, col sistema proporzionale nella circoscrizione Liguria per la lista della Margherita, del cui gruppo parlamentare ha fatto parte. Nelle successive elezioni politiche del 2006 è stato eletto al Senato nella circoscrizione della Liguria nelle liste della Margherita e ha fatto parte del gruppo dell'Ulivo.

Nella XIV Legislatura è stato componente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera; della Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse; della Commissione parlamentare di inchiesta sulle cause dell'occultamento di fascicoli relativi ai crimini nazifascisti.

Nella XV Legislatura ha fatto parte della Commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato; della Commissione bicamerale per la Semplificazione legislativa e, per la seconda legislatura, della Commissione parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti, con funzioni di capogruppo dell'Ulivo.

In occasione delle "primarie" del 14 ottobre 2007, è stato eletto componente dell'Assemblea nazionale costituente del Partito Democratico per il collegio della Spezia.

L'8 giugno 2009 è stato proclamato Sindaco di Maissana (La Spezia), avendo capeggiato la lista civica "Insieme per Maissana - territorio e sviluppo" che alle elezioni comunali ha ottenuto il 61,9 per cento dei voti. Il Comune si trova in Alta Val di Vara, ed appartiene alla cosiddetta "Valle del biologico", a cavallo tra le province della Spezia e di Genova. Il 26 maggio 2014 è stato proclamato sindaco di Maissana per un nuovo mandato quinquennale, avendo capeggiato la lista civica "Impegno per Maissana - crescita e tradizione", che ha ottenuto alle elezioni del giorno precedente il 71,28 per cento dei voti. Alle comunali del 26 maggio 2019 raccoglie gli stessi voti del suo avversario Alberto Figaro e al ballottaggio del 9 giugno perde di 12 voti.

Risiede a Sarzana ed è coniugato con Gabriella Costa con una figlia, Kalkidan.

Il 15 febbraio 2010 si dimette da ogni incarico all'interno del Pd per aderire all'Unione di Centro.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN90270446 · ISNI (EN0000 0004 1962 2424 · SBN IT\ICCU\PALV\043517 · WorldCat Identities (EN90270446