Economia ecologica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Le risorse naturali fluiscono attraverso l'economia e finiscono come rifiuti e inquinamento

L'economia ecologica è un approccio alla teoria economica incentrato su un forte legame tra equilibrio dell'ecosistema e benessere delle persone. Talvolta indicata come "economia verde", si trova in forte contrasto con altre correnti di pensiero dell'economia. Gli "economisti verdi" spesso hanno posizioni più radicali rispetto a quanto teorizzato dall'economia dell'ambiente, che generalmente ha posizioni più convenzionali su temi come la crescita economica e l'ottimalità.

Le origini dell'economia ecologica vanno ricercate nel lavoro di economisti come Nicholas Georgescu-Roegen (che ha chiamato il filone di ricerca da lui inaugurato bioeconomia) e Kenneth Boulding.

La visione dell'economia verde[modifica | modifica wikitesto]

Questa disciplina vede la stessa economia come un sottosistema aperto dell'ecosistema globale. Tale visione prende le mosse dall'ecologia che si occupa dei flussi di materia e energia degli esseri viventi sulla terra, occupandosi del metabolismo materiale ed energetico del sistema economico.

La critica principale degli economisti ecologici all'attuale economia normativa riguarda l'approccio alle risorse naturali e al capitale. Essi sostengono che l'economia convenzionale (inclusa l'economia dell'ambiente), sottostima l'importanza del capitale naturale, considerandolo un fattore di produzione fungibile con il lavoro e la tecnologia ("capitale umano").

Dal punto di vista dell'economia ecologica il "capitale umano" è complementare rispetto al capitale naturale, e non intercambiabile, poiché esso deriva in un modo o nell'altro dalle stesse risorse naturali.

Oggetto di studio[modifica | modifica wikitesto]

I principali temi trattati dall'economia ecologica riguardano: la crescita e la decrescita economica; l'impronta ecologica delle attività economiche sull'ecosistema planetario; la ricerca di specifici strumenti di politica economica ecologica ("tasse verdi" come la carbon tax, incentivi e disincentivi capaci di indirizzare l'economia verso attività a più bassa entropia, ecc.).

Padri dell'economia ecologica[modifica | modifica wikitesto]

Economisti ecologici contemporanei[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Boulding, Kenneth E. (1966). “The economics of the coming spaceship Earth”, in H. Jarrett (a cura di), Environmental quality in a growing economy. Baltimore: Resources for the Future / Johns Hopkins University Press, pp. 3–14.
  • Bresso, Mercedes (1993). Per un'economia ecologica. Roma: NIS.
  • Bresso, Mercedes (1997). Economia ecologica. Milano: Jaca Book.
  • Costanza, R., a cura di (1991). Ecological Economics: The Science and Management of Sustainability. New York: Columbia University Press.
  • Daclon, Corrado Maria, et al. (1989). L'Europa e l'ambiente. Rimini: Maggioli.
  • Daly, Herman E. (1968). “On Economics as a Life Science”, Journal of Political Economy 76: p. 392-406.
  • Daly, Herman E. (1991). Steady State Economics, (seconda edizione con nuovi saggi). Washington, D.C.: Island Press.
  • Daly, Herman E. (1996), Beyond Growth: The Economics of Sustainable Development. Boston: Beacon Press.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]