Dungeon Master (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dungeon Master
Sviluppo FTL Games
Pubblicazione FTL Games
Data di pubblicazione 1987
Genere Videogioco di ruolo
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Amiga, Apple IIGS, Atari ST, MS-DOS, Super Nintendo, FM Towns, NEC PC-9801
Periferiche di input Mouse, Tastiera
Espansioni Chaos Strikes Back
Seguito da Dungeon Master II: The Legend of Skullkeep

Dungeon Master è un videogioco di ruolo prodotto nel 1987 dalla software house FTL Games per il sistema Atari ST, e poi convertito ad altre piattaforme.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Dungeon Master è ricordato per essere estremamente innovativo: non soltanto è stato il primo gioco del suo genere a svilupparsi in tempo reale (anziché secondo una meccanica a turni com'era nella norma ai tempi), ma anche uno dei primissimi ad avvalersi di una visuale in soggettiva all'interno di ambienti tridimensionali. Si può dire che abbia da solo creato il genere dei GDR in tempo reale, di cui era considerato l'esemplare più influente, almeno fino al 1992, anno in cui uscì Ultima Underworld.

Un altro elemento innovativo era dato dall'interazione del giocatore con il mondo di gioco: non erano adottati input testuali da inserire per mezzo della tastiera, ma era necessario l'uso del mouse per manipolare oggetti e ambientazioni, semplicemente cliccandoci sopra all'interno della visuale in prima persona.

Molto particolare anche il tipo di interfaccia adottata per lanciare gli incantesimi: era necessario utilizzare alcune rune magiche da disporre in sequenza per generare un incantesimo. Dato che né all'interno del gioco né sul manuale allegato erano descritte le sequenze da effettuare per lanciare determinati incantesimi, il giocatore doveva procedere per tentativi; tuttavia, era possibile intuire l'effetto di un incantesimo guardando alla forma delle rune, che ne rappresentavano la forma o la funzione tramite simboli. Per fare un esempio, per lanciare una fireball si dovevano usare le rune con il simbolo del fuoco e il simbolo dell'ala.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Scopo del gioco è inoltrarsi in un dungeon composto da 14 livelli per recuperare un prezioso artefatto. All'inizio del gioco è necessario creare un proprio party scegliendo da una rosa di 24 personaggi, i "campioni". Il party può essere composto da 1 a 4 elementi.

Ciascun membro del party è in grado di specializzarsi in 4 differenti abilità: Ninja, Fighter (guerriero), Wizard (mago) e Priest (prete). Ogni campione possiede da una a quattro di queste abilità, alle volte partendo dal livello minimo (denominato Neophyte, neofita), ma più spesso no. Per esempio, un campione può partire con le abilità Neophyte Ninja e Novice Wizard.

Al guadagnare di punti esperienza, il livello di un'abilità sale: sta al giocatore decidere come distribuire i punti esperienza, in modo da far salire di livello l'abilità che più interessa, oppure per mantenere un equilibrio tra le abilità. Salire di livello aumenta in ogni caso i punti salute e i punti resistenza del campione, ma porta determinati vantaggi collegati a quella data abilità. Per esempio, rafforzare l'abilità Ninja di un personaggio aumenterà le sue caratteristiche di forza e destrezza, mentre potenziare l'abilità Priest aumenterà la saggezza, la quantità di mana e la resistenza alle magie di quel campione.

Conversioni del gioco[modifica | modifica wikitesto]

Dungeon Master è stato il videogioco per Atari ST più venduto di tutti i tempi, e si calcola sia stato giocato sul 50% di tutti gli Atari ST mai esistiti.[senza fonte] Questa notorietà ha portato naturalmente a una serie di conversioni per i più svariati sistemi, prima fra tutte quella per Amiga uscita nello stesso anno in cui il gioco fu rilasciato, il 1987. Questa versione, esattamente analoga al gioco originale, mostrò un altro primato: fu il primo videogioco ad avvalersi di effetti sonori stereofonici.

Altre conversioni furono quelle per MS-DOS, Apple IIGS, X68000, PC-9801, FM Towns e Super Nintendo.

Nel corso degli anni inoltre numerosi appassionati hanno realizzato versioni casalinghe gratuite del gioco per svariati sistemi e in diversi linguaggi di programmazione, incluso Java.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]