Due tempi all'inferno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Due tempi all'inferno
Due tempi all'inferno.png
Una scena del film
Titolo originaleKét félidő a pokolban
Lingua originaleungherese
Paese di produzioneUngheria
Anno1961
Durata120 min
Rapporto1,37:1
Generedrammatico
RegiaZoltán Fábri
SceneggiaturaZoltán Fábri e Péter Bacsó
Casa di produzioneHunnia Filmgyár
FotografiaFerenc Szécsényi
MontaggioFerenc Szécsényi
MusicheFerenc Farkas
Interpreti e personaggi

Due tempi all'inferno (Két félidő a pokolban) è un film liberamente ispirato alla partita della morte tenutasi a Kiev il 9 agosto 1942 tra una squadra mista di calciatori di Dynamo e Lokomotiv e una squadra composta da ufficiali dell'aviazione tedesca Luftwaffe.[1]

Cenni sulla trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si svolge in un campo di lavoro sorvegliato da militari ungheresi nella primavera del 1944. In questo campo di prigionia coabitano soldati ungheresi che hanno subordinato, elementi sovversivi e naturalmente ebrei. È fin troppo evidente che i sorveglianti siano alle dipendenze dei nazisti, difatti per il compleanno di Hitler viene organizzata una partita di calcio tra i detenuti ed una rappresentativa dell'esercito tedesco. Viene dato incarico ad uno dei prigionieri di organizzare il team, ma le difficoltà incontrate a causa della comprensibile ritrosia dei compagni non sono poche. Durante un allenamento i prigionieri tenteranno la fuga, ma verranno ripresi e condannati a morte. Ma prima si deve disputare la partita, la fucilazione può aspettare. Consci di questo destino i condannati scendono egualmente in campo e chiudono il primo tempo in vantaggio. Nell'intervallo viene loro offerta la grazia: dovranno semplicemente perdere l'incontro.

Analisi del film[modifica | modifica wikitesto]

Come già il film sovietico Il terzo tempo (1962) e gli americani Quella sporca ultima meta (1974) e Fuga per la vittoria (1981) saranno ispirati alla già citata partita della morte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ recensione in italiano del libro [1] Dynamo: Defending the Honour of Kiev

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]