Domenico Ferri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo architetto, vedi Domenico Ferri (architetto).
Domenico Ferri

Domenico Ferri (Castel di Lama, 22 aprile 1857Bologna, 1º gennaio 1940) è stato un pittore figurativo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Domenico Ferri, originario di Castel di Lama, in provincia di Ascoli Piceno, è stato allievo di Domenico Morelli (1826-1901), aderendo inizialmente alla scuola verista di ispirazione napoletana per poi orientarsi nella sua maturità artistica verso l'Art déco. Fu professore dell'Accademia di Belle Arti di Bologna e successivamente professore di disegno della figura presso l'Accademia di Milano[1]. La sua opera più nota in ambito locale sono gli affreschi del salone del consiglio provinciale al primo piano del Palazzo del Governo di Ascoli Piceno, noto anche come palazzo San Filippo. Gli affreschi furono realizzati nel primo decennio del Novecento.

Nel 1898 partecipò all'Esposizione generale italiana a Torino[2].

Nel 1905 dipinge il catino della cupola e l'abside della chiesa di Santa Maria Maddalena in via Zamboni, 49 a Bologna in collaborazione con il pittore Antonio Mosca (1870-1951),

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria Maddalena a Bologna - particolare del presbiterio con affreschi di Domenico Ferri e Antonio Mosca del 1905

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Soprintendenza alla Galleria d'arte moderna e contemporanea di Milano Accademia delle belle arti di Milano 7/7/1915 - 22/10/1917[collegamento interrotto]
  2. ^ Elenco espositori - Divisione Belle Arti[collegamento interrotto]
  3. ^ Fonte: Comune di Ascoli Piceno PALAZZO FERRI (sec.XVII)
  4. ^ Nazzareno Orlandi (1861-1952) nel 1899 emigrò in Argentina
  5. ^ "Il Teatro è cinto dall'etereo soffitto dipinto nel 1887 da Domenico Ferri, che lascia come sospeso in un cielo di nuvole, un gruppo di giovani fanciulli improvvisatisi angeli musici."Fonti: I borghi più belli d'Italia.
  6. ^ Guida di Bologna di Corrado Ricci 5ª edizione editore Nicola Zanichelli Bologna a pag. 116 4ª riga dal basso si deve leggere: "la cupola e l'abside furono dipinte da Antonio Mosca (al posto di Romano Alberghini) ornatista e da Domenico Ferri figurista (1905). Refuso editoriale segnalato dal pittore Antonio Mosca stesso all'autore Corrado Ricci nel 1921.
  7. ^ Fonte: La Cattedrale di Ascoli Piceno

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]