Domenico Beneventano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Domenico Beneventano, detto Mimmo (Petina, 11 luglio 1948Ottaviano, 7 novembre 1980), è stato un politico italiano, vittima della Camorra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini lucane (il padre di Sasso di Castalda, la madre di Polla), si trasferisce adolescente con la famiglia a Ottaviano.

Si laurea in Medicina, si specializza in Chirurgia e lavora presso l'ospedale San Gennaro di Napoli.

All'attività professionale associa l'impegno politico: viene eletto consigliere comunale ad Ottaviano nelle liste del PCI per due volte consecutive, nel 1975 e nel 1980.

Al centro del suo impegno politico la lotta alla camorra e alle sue infiltrazioni nelle amministrazioni locali, negli anni in cui Ottaviano è il feudo indiscusso di Raffaele Cutolo e della sua NCO.

Le sue denunce e la sua intransigenza ne fanno un personaggio scomodo, così la mattina del 7 novembre 1980 viene ucciso in un agguato camorristico. È sepolto a Sasso di Castalda.

Memoria[modifica | modifica wikitesto]

Domenico Beneventano è ricordato ogni anno il 21 marzo nella Giornata della Memoria e dell'Impegno di Libera, la rete di associazioni contro le mafie, che in questa data legge il lungo elenco dei nomi delle vittime di mafia e fenomeni mafiosi.

Alla memoria di Domenico Beneventano è stata intitolata una strada e la scuola elementare di via Lucci a Ottaviano, ed un largo a Sasso di Castalda.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scheda dal sito della Fondazione Pol.i.s della Regione Campania