Diritto barbarico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'espressione diritto barbarico individua una serie di tradizioni consuetudinarie (generalmente non scritte) proprie di gruppi etnico-sociali coevi ma di lingua e cultura diverse da quella ellenistico-romana (cfr. barbaro). Il diritto barbarico non è un sistema giuridico vero e proprio, ma un insieme di principi giuridici comuni a varie popolazioni, etnicamente e culturalmente disomogenee, ma comunque attive nel Nord Eurasia: Celti, Sciti, Sarmati, Unni, Germani (tra i quali Longobardi, Goti, ecc.), Slavi, Avari, Ungari, ecc., quali:

Tra i popoli turco-mongoli si parla di Kuriltai.

Numerosi principi del diritto barbarico sono poi confluiti nel diritto romano e nel diritto medievale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]