Diocesi di Arpasa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arpasa
Sede vescovile titolare
Dioecesis Harpasena
Patriarcato di Costantinopoli
Sede titolare di Arpasa
Mappa della diocesi civile di Asia (V secolo)
Vescovo titolare sede vacante
Istituita XIX secolo[1]
Stato Turchia
Diocesi soppressa di Arpasa
Suffraganea di Stauropoli
Eretta circa V secolo
Soppressa circa XII secolo
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Arpasa (in latino: Dioecesis Harpasena) è una sede soppressa del patriarcato di Costantinopoli e una sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Arpasa, identificabile con le rovine di Harpaskale nell'odierna Turchia, è un'antica sede episcopale della provincia romana della Caria nella diocesi civile di Asia. Faceva parte del patriarcato di Costantinopoli ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Stauropoli.

La diocesi è documentata nelle Notitiae Episcopatuum del patriarcato di Costantinopoli fino al XII secolo.[2]

Sono quattro i vescovi documentati di Arpasa. Fania partecipò al concilio di Efeso del 431 e verso la fine dello stesso anno sottoscrisse la lettera sinodale del patriarca Massimiano diretta al clero della diocesi di Tenedo per annunciare la deposizione del loro vescovo Anastasio.[3] Zotico non prese parte al concilio di Calcedonia del 451, dove fu rappresentato dal presbitero Filoteo, che sottoscrisse tutte le decisioni conciliari al posto del suo vescovo.[4] Ireneo fu un vescovo monofisita vissuto all'inizio del VI secolo, noto per un'opera teologica oggi perduta a favore dell'Hénotikon contro il concilio calcedonese.[5] Leone partecipò al concilio di Costantinopoli dell'879-880 che riabilitò il patriarca Fozio di Costantinopoli.

Dal XIX secolo Arpasa è annoverata tra le sedi vescovili titolari della Chiesa cattolica; il titolo non è più assegnato dal 6 dicembre 1969.

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

  • Fania † (menzionato nel 431)
  • Zotico † (menzionato nel 451)
  • Leone † (menzionato nell'879)

Vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La sede è già menzionata negli Annuari Pontifici dell'Ottocento.
  2. ^ Jean Darrouzès, Notitiae episcopatuum Ecclesiae Constantinopolitanae. Texte critique, introduction et notes, Parigi 1981, indice p. 492, voce Harpasa.
  3. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 793-794.
  4. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, p. 980.
  5. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 237-238.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi