Digimortal (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Digimortal
ArtistaFear Factory
Tipo albumStudio
Pubblicazione24 aprile 2001
Durata43:13
Dischi1
Tracce11
GenereIndustrial metal
Alternative metal
Groove metal
Nu metal
EtichettaRoadrunner
ProduttoreFear Factory
Rhys Fulber
Registrazione30.09.2000 − 04.11.2000
Fear Factory - cronologia
Album precedente
(1999)
Album successivo
(2002)
Singoli
  1. Linchpin
    Pubblicato: 2001
  2. Invisible Wounds (Dark Bodies)
    Pubblicato: 2001

Digimortal è il quarto album dei Fear Factory, pubblicato il 24 aprile 2001 dalla Roadrunner Records è un concept album che va a concludere la trilogia cominciata con Demanufacture e proseguita con Obsolete.

È stato l'ultimo album ad avere come chitarrista e compositore Dino Cazares fino al suo ritorno nella band nel 2009.

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

L'album contiene una storia futuristica riguardante la fusione tra uomini e macchine. Gli umani sopravvissuti e le macchine capiscono che devono dipendere l'uno dagli altri per poter sopravvivere.

Il titolo dell'album è dato dalla contrazione ed unione dei termini inglesi Digital e Mortality.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Burton C. Bell, Dino Cazares, Raymond Herrera, Christian Olde Wolbers.

  1. What Will Become? – 3:24
  2. Damaged – 3:02
  3. Digimortal – 3:03
  4. No One – 3:37
  5. Linchpin – 3:25
  6. Invisible Wounds (Dark Bodies) – 3:55
  7. Acres of Skin – 3:56
  8. Back The Fuck Up – 3:09
  9. Byte Block – 5:21
  10. Hurt Conveyor – 3:41
  11. (Memory Imprints) Never End – 6:48
  12. Dead Man Walking (presente solo nella Special Edition) – 3:17
  13. Strain vs. Resistance (presente solo nella Special Edition) – 3:25
  14. Repentance (presente solo nella Special Edition) – 2:40
  15. Full Metal Contact (presente solo nella Special Edition) – 2:28

Durata totale: 55:11

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il rapper B-Real dei Cypress Hill ha collaborato con i Fear Factory cantando nella canzone Back The Fuck Up.
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal