Dipartimento per i trasporti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Department for Transport)
Jump to navigation Jump to search

Il Dipartimento per i trasporti (DfT) (in inglese Department for Transport, in gallese Adran am Drafnidiaeth) è il dipartimento governativo responsabile delle infrastrutture dei trasporti inglesi e per un numero limitato di argomenti correlati di Scozia, Galles e Irlanda del Nord, che non sono stati decentrati dal governo centrale.

Grant Shapps è Segretario per i trasporti dal 24 luglio 2019.

Il dipartimento è diretto dal Segretario di Stato per i trasporti, attualmente, da Grant Shapps.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il controllo governativo dei trasporti e dei vari argomento correlati è stato riorganizzato plurime volte nella storia contemporanea, essendo stato responsabilità dei seguenti organi istituzionali[1]:

  • 1919–1941: Ministry of Transport
  • 1941–1945: Ministry of War Transport - dopo la fusione con il Ministry of Shipping
  • 1945–1953: Ministry of Transport
  • 1953–1959: Ministry of Transport and Civil Aviation
  • 1959–1970: Ministry of Transport
  • 1970–1976: Department for the Environment
  • 1976–1979: Department of Transport
  • 1979–1981: Ministry of Transport
  • 1981–1997: Department of Transport
  • 1997–2001: Department for the Environment, Transport and the Regions
  • 2001–2002: Department for Transport, Local Government and the Regions
  • 2002– Department for Transport

Il nome "Ministry of Transport" sopravvive nell'annuale MOT test, una revisione annuale della sicurezza dei veicoli, dell'idoneità alla circolazione e dell'idoneità delle emissioni di gas combusti, che la maggior parte dei veicoli utilizzati sulle pubbliche strade del Regno Unito deve superare dopo il terzo anno (il quarto anno per i veicoli dell'Irlanda del Nord).

Ruolo[modifica | modifica wikitesto]

Il Department for Transport ha quattro obiettivi strategici:

  • Sostenere la crescita economica e un aumento di produttività attraverso delle reti di comunicazione affidabili ed efficienti;
  • Migliorare l'impatto ambientale del trasporto;
  • Rinforzare la sicurezza del trasporto;
  • Migliorare l'accesso alle attività lavorative, ai servizi e ai social network, anche per le persone con handicap.

Il dipartimento "crea il quadro strategico" per i servizi di trasporto, che sono forniti da parte di un ampio numero di società ed enti pubblici e privati, tra i quali vi sono anche le proprie agenzie operative[2].

Agenzie operative[modifica | modifica wikitesto]

Enti pubblici non dipartimentali[modifica | modifica wikitesto]

Il DfT sostiene anche i seguenti enti pubblici:

Devolution[modifica | modifica wikitesto]

La devoluzione della politica dei trasporti varia da regione a regione all'interno del Regno Unito; per la Gran Bretagna la maggior parte degli aspetti è decisa a Westminster. Gli aspetti fondamentali del trasporto non decentrabili (in inglese key reserved transport matters) sono i seguenti:

Scozia Argomenti non decentrabili[3]:

Irlanda del Nord Argomenti non decentrabili[4]:

I settori decentrati del dipartimento in Irlanda del Nord sono i seguenti:

Galles Nell'ambito del sistema di decentramento del Galles, aree politiche specifiche sono state trasferite da Westminster alla National Assembly for Wales.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Transport Departments, in The National Digital Archive of Datasets, The National Archives, 10 gennaio 2008. URL consultato il 13 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2005).
  2. ^ Cabinet Office List of Government Departments and Ministers: Department for Transport
  3. ^ Scotland Act 1998, Schedule 5, Part II
  4. ^ Northern Ireland Act 1998, Schedule 3
  5. ^ DRD: About The Department, su drdni.gov.uk. URL consultato il 1º luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2008).
  6. ^ DoE: About Us Archiviato l'8 giugno 2010 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 51°29′40.56″N 0°07′45.48″W / 51.4946°N 0.1293°W51.4946; -0.1293

Controllo di autoritàVIAF (EN132985253 · ISNI (EN0000 0001 2286 3665 · LCCN (ENnr2001027393 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2001027393