Dan Waern

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dan Waern
Dan Waern 3.jpg
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 182 cm
Peso 66 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Società Örgryte IS
Record
1500 m 3'38"6 (1960 )
Carriera
Nazionale
Svezia Svezia
Palmarès
Campionati europei 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Dan Waern (Sköldinge, 17 gennaio 1933) è un ex mezzofondista svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1957 divenne il primo svedese a correre il miglio in meno di quattro minuti.[1] Lo stesso anno fu premiato con la Medaglia d'oro dello Svenska Dagbladet.[2][3]

Nel 1958 vinse la medaglia d'argento sui 1500 metri ai Campionati europei di Stoccolma e stabilì il record mondiale sui 1000 metri.[2]

Partecipò a due edizioni dei Giochi olimpici gareggiando sui 1500 metri. A Melbourne 1956 fu eliminato in semifinale, mentre a Roma 1960 conquistò l'accesso alla finale che concluse al quarto posto. Nel 1961 fu squalificato dalla IAAF con l'accusa di professionismo.[4]

Waern è stato campione nazionale degli 800 m (1958–1960) e dei 1500 m (1956–1961).[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1956 Giochi olimpici Australia Melbourne 1500 metri Semifinali [5]
1958 Campionati europei Svezia Stoccolma 1500 metri Argento Argento
1960 Giochi olimpici Italia Roma 1500 metri 3'40"0 [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (SV) Bannister – en milstolpe i idrottshistorien, su svd.se, Svenska dagbladet, 3 ottobre 2004. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  2. ^ a b c Dan Waern 1933-01-17. storagrabbar.se
  3. ^ (SV) Bragdmedaljörer genom tiderna, su svd.se, Svenska dagbladet, 6 dicembre 2005. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  4. ^ (SV) Intervjun: Dan Waern, su friidrott.se, Sveriges Radio, 2007. URL consultato il 19 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2015).
  5. ^ (EN) Men's 1,500 metres, su sports-reference.com (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2017).
  6. ^ (EN) Men's 1,500 metres, su sports-reference.com (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]