Cyrano (spettacolo teatrale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cyrano

[Prodotto da Carlo Molfese

[Andato in scena il 22 dicembre 1978 al Teatro Tenda di Piazza Mancini a Roma
Catherine Spaak e Domenico Modugno in Cyrano (1978).jpg
Catherine Spaak e Domenico Modugno nella scena finale di Cyrano
Lingua originaleItaliano
StatoItalia
Anno1978
GenereCommedia musicale
RegiaDaniele D'Anza
SoggettoRiccardo Pazzaglia
SceneggiaturaRiccardo Pazzaglia
MusicheDomenico Modugno
CoreografiaGino Landi e Vivienne Bocca
ScenografiaBruno Garofalo
CostumiBruno Garofalo
LuciGiuseppe De Mitri
Personaggi e attori
Domenico Modugno, Catherine Spaak, Graziella Polesinanti, Berto Gavioli, Gianfranco Bocca, Pietro Valsecchi, Giorgio Del Bene, Paolo Malco, Marcello Mandò, Elio Marconato, Renato Mori, Marco Bonetti, Carla Todero

Cyrano è una commedia musicale scritta da Riccardo Pazzaglia e Domenico Modugno, ispirata al Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand, andata in scena nelle stagioni 1978-1979 e 1979-1980.

Le musiche di Modugno sono arrangiate da Nello Ciangherotti, che dirige l'orchestra.

Il maestro d'armi è Enzo Musumeci Greco.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La vicenda riprende quella dell'opera di Rostand: viene però introdotta dalla Canzone di Cyrano, interpretata dal solo Modugno, che al termine della canzone si mette il naso posticcio ed inizia a presentare il personaggio.

Cyrano è uno scontroso spadaccino dal lunghissimo naso, scrittore e poeta in bolletta, abile con la spada e con i giochi di parole, con i quali ama mettere in ridicolo i suoi nemici, sempre più numerosi grazie al suo carattere poco incline al compromesso e al suo disprezzo verso potenti e prepotenti.

Innamorato della bella Rossana, sua cugina, quando sta per rivelarsi scopre che lei è innamorata di Cristiano, un giovane cadetto, bello ma non molto intelligente; Cyrano decide allora di allearsi con lui per fargli conquistare proprio il cuore di Rossana, e si improvvisa così "suggeritore" per l'altrui passione, scrivendo lettere e poesie per conto del giovane, ma covando comunque dentro di sé l'amore per la cugina.

Cristiano riesce infine a conquistare la sua amata, ma l'unione tra i due giovani è osteggiata dal potente di turno, De Guiche, invaghitosi della bella. La guerra costituisce dunque una perfetta occasione per allontanare i due innamorati: Cristiano e Cyrano finiranno insieme al fronte, con la loro compagnia di cadetti, ma sfortunatamente Cristiano muore e Rossana decide di ritirarsi in convento.

Solo dopo molti anni, poco prima di morire, Cyrano, seppur involontariamente, confesserà all'amata il suo sentimento, ma quando lei ricambierà sarà ormai troppo tardi.

Lo spettacolo si conclude con Modugno che si rialza e si toglie il naso posticcio, cantando la canzone finale.

Il cast[modifica | modifica wikitesto]

Modugno con Alida Chelli durante lo spettacolo teatrale "Cyrano" (stagione 1979-1980)

L'album[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno del 1978 la Carosello ha pubblicato il 33 giri Cyrano con le musiche dello spettacolo (numero di catalogo CLN 25081).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Mollica, Domenico Modugno, Roma, Lato Side,, 1981.
  • Gianfranco Baldazzi, Autori Vari, Modugno Domenico, in Gino Castaldo (a cura di), Il dizionario della canzone italiana, Roma, Armando Curcio, 1990, pp. 1117-1111.
  • Maurizio Ternavasio, La leggenda di mister Volare. Domenico Modugno, Milano, Giunti Editore, 2004.
  • Gabriele Bonsignori, Cyrano, in Dizionario del Musical, Roma, Dino Audino, 2007.
  • Marco G. Ranaldi, Domenico Modugno. L'uomo in frac, Roma, Armando Curcio, 2008.