Cutberto di Lindisfarne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Cutberto di Lindisfarne
Minatura tratta dal manoscritto Vita di san Cutberto di Beda il Venerabile
Minatura tratta dal manoscritto Vita di san Cutberto di Beda il Venerabile

Vescovo

Nascita Wrangham, 634 circa
Morte Farne, 20 marzo 687
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Canonizzazione 698 dai monaci di Lindisfarne
Ricorrenza 20 marzo
Attributi abito vescovile
Cutberto di Lindisfarne
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Lindisfarne
Nato 634
Consacrato vescovo Pasqua 685
Deceduto 20 marzo 687, Isola di Farne

San Cutberto di Lindisfarne (Wrangham, 634Isola di Farne, 20 marzo 687) fu un monaco e poi vescovo britannico; è venerato come santo da tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Originario della Northumbria, Cutberto nacque attorno al 634 a Wrangham (oggi New Smailholm)[1]. Di umili origini, dopo aver combattuto nell'esercito di re Oswiu, nel 651 entrò in monastero.

Divenuto priore di Lindisfarne nel 664, undici anni dopo si ritirò a vita eremitica, ma nel 684 il concilio di Twyford lo elesse vescovo di Lindisfarne. Fu consacrato il giorno di Pasqua del 685. Dopo un'intensa attività evangelizzatrice, si ritirò di nuovo in eremitaggio e morì sull'isola di Farne il 20 marzo del 687.

Fu canonizzato nel 698.

La storia della sua vita fu scritta per la prima volta da un monaco di Lindisfarne intorno al 700 e successivamente, nel 721 circa, Beda il Venerabile compose un'opera in versi e prosa intitolata Vita e miracoli di san Cutberto, vescovo di Lindisfarne

Durante il Medioevo la figura di San Cutberto assunse un particolare valore politico per le popolazioni semi-autonome che vivevano nella regione del Palatinato di Durham. In questa zona il Vescovo di Durham possedeva un potere notevole, paragonabile a quello dello stesso sovrano inglese. Gli abitanti del Palatinato vennero denominati haliwerfolc, un termine che può essere tradotto sommariamente come il popolo del santo. In breve si diffuse la credenza che il santo fungesse da protettore per il popolo di Durham, soprattutto riguardo alle difese della sua autonomia. Riguardo a questa leggenda c'è un suo riferimento durante la battaglia di Neville's Cross del 1346.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ History of Smailholm Near Kelso Scotland, Scottish Borders UK

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Lindisfarne Successore BishopCoA PioM.svg
Eata di Hexham 685 - 687 Eadberto di Lindisfarne

Controllo di autorità VIAF: 264324310 LCCN: n84070072