Crivel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crivel
Crivel.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica leggera
Periodo di attività musicale1915 – 1941
EtichettaColumbia, Odeon, Excelsius, Italfon, La voce del padrone, Società Italiana di Fonotipia

Crivel, pseudonimo di Ferdinando Crivelli (Milano, 3 gennaio 1889Milano, 9 marzo 1960), è stato un cantante italiano attivo dagli anni venti agli anni cinquanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In molte sue incisioni risulta anche come: Crivel, tenore Orsini, tenore Bello, Italo Corsi, Berettini, F. Rossi, Rossi, E. Torres, D. Berri, Fernandino.

Detto anche «il simpatico artista della canzone»[1], è noto per il particolare timbro della voce, attrattiva e sonora, ed è ricordato in particolar modo per l'interpretazione di alcune canzoni inneggianti al regime fascista e al genocidio (Topolino in Abissinia) o composte durante il ventennio.

Ha inciso tra le 2 000 e le 3 000 canzoni[1], romanze, brani d'opera, recitativi, sketch, scene comiche, ritornelli pubblicitari, ecc., e partecipato a molti spettacoli, operette e concerti (anche dopo essersi ritirato) grazie alla propria voce da tenore leggero.

Canzoni[modifica | modifica wikitesto]

Tra le principali canzoni da lui interpretate e/o incise su disco figurano:

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1928 – Elisabette/ Venite con me (Odeon, O 10152)
  • 1928 – Lo studente passa/ È vietato (Odeon, O 10164)
  • 1930 – Mi pare un sogno/ Mai più (Excelsius, T 6523)
  • 1932 – Canta lo sciatore/ Gioventù (Columbia, DQ 534)
  • 1933 – Sarà la luna? No!/ Giovinezza senza amore (Columbia, CQ 1121)
  • 1934 – Paprika/ Walzer della felicità (Columbia, CQ 1342; con Elsa Merlini)
  • 1934 – Berrettino/ Come Mimì (Columbia, GQU 64)
  • 1935 – Scrivimi/ Tango del ritorno (Columbia, GQU 190)
  • 1935 – Adua/ Inno marcia per i legionari dell'Africa Orientale (Columbia, DQ 1643)
  • 1936 – Forse mai più/ Senti l'eco (Columbia, DQ 1762)
  • 1936 – Perché mi hai fatto tanto mal?/ Java villereccia (Columbia, DQ 1808); lato A cantato da Franco Lary
  • 1937 – Ritorna il legionario/ Etiopia (Columbia, DQ 2127)
  • 1940 – Mister Churchill...come va?/ Serenatone (per la perfida Albione) (Columbia, DQ 3369)
  • 1940 – El barbisin/ El gagà del Motta (Columbia, DQ 3371)
  • 1940 – Passa la diligenza/ La mia canzone al vento (Columbia, GQU 306); lato B cantato da Pino Coralli
  • 1940 – C'è una chiesetta/ Cuore contro cuore (Columbia, GQU 330)
  • 1940 – Sul campanil del duomo/ Cavalluccio va... (Columbia, GQU 331)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il motivetto ripreso da Campari per la propria campagna pubblicitaria del Camparisoda del 2008 è un brano interpretato da Crivel del 1932, anno in cui esso uscì sul mercato, scritto da lui e Roger Dufas.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u CRIVEL, su ildiscobolo.net. URL consultato il 22 maggio 2017.
  2. ^ Fonte: Italiasempre.com
  3. ^ Elenco dischi Columbia, 1936.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]