Costellazione di EURione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La costellazione di EURione è costituita da cinque anelli.

La costellazione di EURione è uno schema di simboli che si trova su diversi disegni di banconote all'incirca dal 1996. Il disegno è stato aggiunto per aiutare il software a rilevare la presenza di una banconota in un'immagine digitale. Tale software può quindi impedire la riproduzione delle banconote allo scopo di evitare le falsificazioni usando le fotocopiatrici a colori.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Sulla precedente banconota da £20, detta Elgar della Bank of England, la costellazione di EURione appare sotto forma di "note musicali".

Il nome "costellazione di EURione" ("EURion constellation") fu coniato da Markus Kuhn, che scoprì lo schema all'inizio del 2002, quando notò che una fotocopiatrice a colori Xerox rifiutava di riprodurre banconote.[1] La parola è una sincrasi di EUR, la designazione dell'euro nell'ISO 4217, ed Orione, una costellazione di forma similare.

La costellazione di EURione descritta la prima volta da Kuhn è costituita da uno schema di cinque cerchietti gialli, verdi o arancio, schema ripetuto in aree delle banconote con diversi orientamenti. La sola presenza di cinque di questi cerchietti in un'immagine è sufficiente ad alcune fotocopiatrici a colori per rifiutarsi di processare. Andrew Steer più tardi notò un semplice rapporto intero tra il quadrato delle distanze dei cerchietti vicini, che dà ulteriori informazioni su come lo schema dovrebbe essere individuato efficientemente dal software di elaborazione delle immagini.

La costellazione di EURione è più evidente, e di conseguenza individuata per la prima volta, nella banconota da 10 euro.

Alcune banche integrano strettamente la costellazione con il resto del disegno della banconota. Nelle banconote tedesche, i cerchietti di EURione formavano il cerchio più interno in uno schema di cerchi concentrici. Al fronte della ex-banconota da 20 sterline della Bank of England (tipo "Elgar"), appaiono in verde come le teste di note musicali, mentre in quella successiva (tipo "Smith") del 2007 i cerchi semplicemente si raggruppano intorno al testo '£20'. Su alcuni biglietti del dollaro statunitense formano il numero zero nei piccoli numeri gialli che mostrano il valore della banconota.

I dettagli tecnici riguardanti la costellazione di EURione sono mantenuti segreti dagli inventori e dalle banche che li utilizzano. Un brevetto[2] fa pensare che lo schema e l'algoritmo per l'identificazione siano stati progettati alla OMRON Corporation, una compagnia elettronica giapponese. Non è neanche chiaro se questa caratteristica abbia o meno un nome ufficiale. Il termine "Omron anti-photocopying feature" è apparso nell'agosto 2005 in una informazione alla stampa rilasciata dalla Reserve Bank of India[3].

La costellazione di EURione indicata dai tratti blu su un biglietto da $20.

Uso[modifica | modifica sorgente]

La tavola che segue elenca le banconote su cui è stata apposta la costellazione di EURione:

Valuta Banconote con la costellazione di EURione Banconote senza EURione
Dram armeno 1000 dram (2001), 5000 dram (2003), 10000 dram (2003) 20000 e commemorativa da 50000 dram
Fiorino arubano tutte (2003)
Scellino austriaco 500 e 1000 scellini (1997) 20, 50, 100 e 5000 scellini
Dollaro australiano Commemorativa $5 (2001) Banconote stendard
Franco belga 500 franchi (1998), 1000 franchi (1997), 10000 franchi (1997) 100, 200 e 2000 franchi
Lev bulgaro tutte (1999)
Dollaro canadese tutte (2001)
Franco CFA tutte (sia dell'Africa occidentale che Centrale, 2003)
Renminbi cinese ¥1 (2004), 2005 modificate le banconote da ¥5 in su
Franco delle Comore 500 (2006), 1000 and 2000 francs (2005) 2500, 5000, and 10000 francs
Kuna croata 5, 10, 20 kuna (2001), 50, 100 e 200 kuna (2002) 500 e 1000 kuna
Corona ceca 2000 (2007), 1000 (2008) 50, 100, 500, 1000, 5000
Corona danese tutte (serie 1997 e 2002)
Franco gibutiano 1000 franchi (2005) 2000, 5000 e 10000 franchi
Fiorino olandese 10 fiorini (1997) 25, 50, 100, 250, 1000 fiorini
Sterlina egiziana LE 5 (2002), LE 10 (2003), LE 20 (2001), LE 50 (2001), LE 100 (2000) 25 piastre, 50 piastre, LE 1
Euro tutte (2002)
Corona delle Fær Øer tutte (2001)
Franco francese 100 franchi (1997) 50, 200 e 500 franchi
Marco tedesco 50, 100, 200 marchi (1996-2002) 5, 10, 20, 500, 1000 marchi
Fiorino ungherese 500 (2007), 2000, 10000 fiorini (2008) 200, 1000, 5000, 20000 fiorini
Rupia indiana 50 (2006), 100 (2005), 500 (2000) rupie (entrambe le 2° edizioni), 1000 rupie (2000) 5, 10, 20, 50 rupie (ante 2006), 1* edizione delle 100 (1996) e 500 (1997) rupie
Yen giapponese Commemorativa ¥2000 (serie D, 2000), serie E (2004)
Ariary malgascio 100, 200, 500, 1000 ariary (2004) 2000, 5000, 10000 ariary
Peso messicano $1000 (2004), $50 (2005), $20 (2007) $20 (2000-2007), $50 (1993-2005), $100, $200, $500
Dirham marocchino tutte (2002)
Fiorino delle Antille olandesi 10, 25, 50, 100 fiorini (1998) 250 fiorini (1986)
Corona norvegese tutte (1999)
Sterlina britannica Bank of England £5 (2002), £10 (2000), £20 (1999 & 2007) £50 (non ancora aggiornata)
Leu rumeno tutte (2005)
Dollaro di Singapore tutte (1999)
Corona slovacca 200, 500, 1000, e 5000 corone (1999) 20, 50 e 100 corone
Dollaro statunitense $5 (serie 2006), $10 (serie 2004A), $20 (serie 2004), $50 (serie 2004) $1, $2, $100
Rand sudafricano tutte (2005)
Won sudcoreano tutte (2006/2007)
Corona svedese Kr 50 (2006), Kr 100 (2001), Kr 500 (2001), Kr 1000 (2006) 20 corone
Dinaro tunisino 10 dinari (2005) 5, 20 e 30 dinari commemorativi
Nuova lira turca tutte (2005)

Altri meccanismi per l'identificazione delle banconote[modifica | modifica sorgente]

Software Adobe[modifica | modifica sorgente]

Gli utenti di versioni recenti di programmi per l'elaborazione delle immagini, come Adobe Photoshop o Paint Shop Pro, hanno riscontrato che anche con questi software non è possibile stampare banconote. Secondo un articolo di Wired, il codice di individuazione delle banconote in queste applicazioni, denominato Counterfeit Deterrence System (CDS), sarebbe stato elaborato dal Central Bank Counterfeit Deterrence Group e fornito a compagnie come Adobe sotto forma di modulo binario. Tuttavia esperimenti di Steven J. Murdoch e di altri hanno mostrato che questo codice di individuazione delle banconote non si applica all'EURione.[4] Il software individua invece la filigrana digitale inserita nelle banconote, sviluppata da Digimarc.[5] (cfr. Central Bank Counterfeit Deterrence Group)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Markus Kuhn: The EURion constellation. Security Group presentation, Computer Laboratory, University of Cambridge, 8 febbraio 2002.
  2. ^ Mitsutaka Katoh, et al.: Image processing device and method for identifying an input image, and copier scanner and printer including same. OMRON Corporation, (EN) United States Patent 5845008, United States Patent and Trademark Office. .
  3. ^ Issue of Rs.50 denomination banknotes in Mahatma Gandhi Series with additional/new security features without inset letter in numbering panel bearing the signature of Dr. Y. V. Reddy, Governor, Press Release: 2005-2006/245, G. Raghuraj, Deputy General Manager, Reserve Bank of India, 24 agosto 2005
  4. ^ Steven J. Murdoch: Software Detection of Currency, 2004.
  5. ^ Digimarc: SEC Filing, Form S-1/A, Exhibit 10.9, Counterfeit Deterrence System Development and License Agreement, 1999-11-24.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]