Concerto triplo (Beethoven)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Concerto triplo
Compositore Ludwig van Beethoven
Tonalità Do maggiore
Tipo di composizione concerto
Numero d'opera Op. 56
Epoca di composizione 1803-1804
Dedica Altezza Serenissima le Prince de Lobkowitz
Durata media 37 minuti circa
Organico

pianoforte, violino, violoncello e orchestra

Il Concerto per pianoforte, violino, violoncello e orchestra, op. 56 di Ludwig van Beethoven, chiamato semplicemente Concerto triplo, composto tra il 1803 e il 1804, appartiene allo stesso periodo della terza sinfonia e sonata per pianoforte "Appassionata". Fu scritto appositamente per l'Arciduca Rodolfo che in quegli anni era diventato suo allievo di pianoforte e per i due solisti a suo servizio, il violinista Carl August Seidler e il violoncellista Anton Craft, ambedue ottimi virtuosi.

È il primo concerto in assoluto che fu concepito per quel tipo di complesso. Durante la vita di Beethoven fu eseguito una sola volta, ed anche dopo la sua morte è raramente entrato nelle sale da concerto, colpa delle accuse di 'mediocrità' da parte dei concertisti dell'epoca, oltre che per l'inusuale presenza di tali strumenti concertanti insieme.

È formato da tre movimenti:

  1. Allegro
  2. Largo
  3. Rondò alla polacca — Allegro — Tempo I

Strumenti dell'orchestra[modifica | modifica wikitesto]

L'orchestra accompagnatrice del trio di solisti è una tipica orchestra classica del crinale tra il Settecento e l'Ottocento:

  • flauto
  • 2 oboi
  • 2 clarinetti
  • 2 fagotti
  • 2 corni
  • 2 trombe
  • timpani
  • archi

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: (EN183523652 · LCCN: (ENn86856185 · GND: (DE300015542 · BNF: (FRcb13908222x (data)
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica