Cipriano Piccolpasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cipriano Piccolpasso (Casteldurante, 1524Casteldurante, 21 novembre 1579) è stato un architetto, storico, ceramista, e pittore di maioliche italiano, ricordato soprattutto come trattatista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Appartenente a una famiglia dell'aristocrazia bolognese che si era stabilita a Casteldurante (attualmente Urbania), centro importante per la produzione della ceramica, ricevette una buona educazione umanistica e scientifica. Dopo l'iniziale attività di architetto di fortificazioni militari nell'Italia centrale (Ancona, Fano, Perugia e Spoleto) ritornò a Casteldurante dove fondò una rinomata fabbrica di maioliche. Il suo trattato in tre libri sull'arte della ceramica, pubblicato a stampa per la prima volta a Roma nel 1857- 58, è fonte di straordinaria importanza sulla storia della ceramica d'arte e sulle tecniche adoperate in Italia in età rinascimentale[1]. Anche la sua precedente esperienza nel campo dell'ingegneria militare è stata esposta in un trattato riguardante le fortezze e le piante dell'Umbria.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gianni Bartolomei, L' arte della ceramica secondo Cipriano Piccolpasso, Rimini, Luise, 1988.
  • Corrado Leonardi, Cipriano Piccolpasso, Urbania, Pro Loco Casteldurante, 1981.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cipriano Piccolpasso, Li tre libri dell'arte del vasaio : nei quai si tratta non solo la pratica ma brevemente tuttoi gli secreti di essa cosa che per sino aldi d'oggi e stata sempre tenuta ascosta del cavalier Cipriano Piccolpasso Durantino, facsmile del manoscritto di Cipriano Piccolpasso, presentato e tradotto da Carola Fiocco e Gabriella Gherardi, prefazione di Rowan Watson, Vendin-le-Vieil, Editions La revue de la ceramique et du verre, 2007.

Controllo di autorità VIAF: 156577