Cioccolismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Conseguenze del cioccolato sulla salute

Il cioccolismo indica una dipendenza da cioccolato, come l'alcolismo e il tabagismo lo sono rispettivamente per alcol e tabacco.

Anche se poco conosciuta come dipendenza, fonti americane indicano che ad essere colpite maggiormente sono le donne (40%), mentre la popolazione maschile è colpita per il 15% e questo soprattutto nei paesi occidentali[1]. Infatti è stato accertato che esistono alcuni componenti chimici di questo alimento che possono generare dipendenza, come la caffeina (presente in quantità simili al caffè) e alcuni aminoacidi che stimolano la produzione di serotonina (l'"ormone del piacere"), che dà una sensazione di benessere[2].

Nel dettaglio, il cioccolato contiene due analoghi di anandamide simili a quello dei cannabinoidi responsabili dell'euforia provocata dalla cannabis[3]; inoltre, il desiderio di cioccolato è generato anche dalla sua interazione con i sistemi di neurotrasmettitori (primi fra tutti dopamina, serotonina ed endorfine), responsabili dell'appetito, della soddisfazione e della regolazione dell'umore[3].

A seguito di una ricerca sperimentale del Cnr di Cagliari eseguita sui ratti, nel 2008, e pubblicata su Behavioural Pharmacology[1], si è potuto constatare che i topi, alloggiati più volte al giorno, per 20 minuti al massimo, all'interno di gabbie provviste di una leva e di un dispensatore per liquidi (che sulla base di dieci pressioni della leva erogava cioccolata), abbiano premuto la leva 800-1000 volte e consumato circa 30 millilitri di cioccolata, circa un decimo del loro peso corporeo.

Successivamente è stato provato l'effetto del rimonabant (utilizzato in alcuni paesi europei come farmaco per il controllo dell'appetito), che inibisce il recettore "CB1" degli endocannabinoidi, e si è potuto constatare che riduce di molto i valori di auto-somministrazione di cioccolata. Da questo si evince che il rimonabant potrebbe essere utilizzato per contrastare il cioccolismo[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Le Scienze Web News, su lswn.it.
  2. ^ Cioccolismo - Doctissimo, su psicologia.doctissimo.it. URL consultato il 20 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2011).
  3. ^ a b (EN) Gordon Parker, Isabella Parker, Heather Brotchie, Mood state effects of chocolate (PDF), Elsevier, 3 febbraio 2006. URL consultato il 30 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]